Nel giorno
del mio compleanno
accetterò gli auguri veri
da chiunque avrà il coraggio
di non dirmi che il tempo passa inesorabile.

All'inverso,
festeggerò da solo
col rosso d’appropriato vino,
col blu di cielo o mare, fate voi,
col primo grigio dei capelli, se volete.

Comodamente,
me ne starò sdraiato
sul giallo del divano un po’ sbiadito,
sul sempre verde dell’età che sento,
sul bianco notte dei miei tardivi sogni.

Di sicuro,
mi canterò un inno nuovo
o forse un’aria improvvisata
che prenda spunto solo dai colori
d’immense praterie che non conosco.

Nel giorno
del mio compleanno
mi farò una carezza tenerissima.
Andrò a conquistare le sontuose mura
che sbarrano la strada alla vecchiaia.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aurelio Zucchi  

Questo autore ha pubblicato 154 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.