Nelle essenze di ginepro si riempiono limonate al ghiaccio

e dubita un pensiero fine a se stesso quanto basta da dover non  essere.

Cartamoneta in fumi nasconde, con la nebbia, echi di parole ed una casa ormai lontana.

Non si vive di ricordi, ma si può morir con essi nelle illuse attese ai giorni - che non sono più -

poggiati sulle mani rugose in carta fragile delle tenere possibilità perdute:

quelle bisbiglianti - mutate - il loro tradimento in coerenze di facciata,

utopiche solo all'unico sentire di chi  vende fedi assolute.

Gli eterni Peter Pan, naturali o costruiti, boccheggiano in modi differenti,

scrivendo con toni che vorrebbero dei poeti veri

senza mai poterlo fare, né per virtù, né per tempi maledetti,

presi in un era diversa da come la si sapeva immaginare.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Davide Bergamin  

Questo autore ha pubblicato 65 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.