L’aria si volge a inverno

basse le cupole

lui rimane lui va

si vede aprire il varco

-quale? quale lo spazio

di seta buia

dove lui scivola

trattenuto respiro

e silenzio. In un lago

di abisso, inviolabile arcano.

Una pace. Il flutto sai

l’ha voluto per mano, limpido

e solo, come discendesse a te

a tutto il bene, una tinta di neve

che all’universo implode  

e ritorna, dolcezza.





1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Rita Stanzione*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-07-2015

Questo autore ha pubblicato 675 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Alberto Automa*
+2 # Alberto Automa* 27-03-2019 21:38
...a tutto il bene, una tinta di neve… accennata rima che consola… complimenti, come sempre ;.)
Ciao Rita, un caro saluto
Antilirico
+2 # Antilirico 27-03-2019 21:54
Mi unisco ad AA… Molto bella, congratulazioni ...
Rita Stanzione*
+2 # Rita Stanzione* 28-03-2019 16:54
Vi ringazio, Alberto e Antilirico. Un caro saluto a entrambi.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.