Consegnando il cielo all'aurora,
l’ultima stella controvoglia se ne va.

Un suono non odo,
non dico un’armonica orchestra,
ma un piccolo clamore, una nota,
un respiro a scandire il virare
tra resti di tenebre e i primi sbadigli del giorno.

L’immenso non m’illumina
e cerco voci che fendano silenzi.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aurelio Zucchi  

Questo autore ha pubblicato 188 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

neveamarzo
+1 # neveamarzo 06-04-2019 19:15
Un silenzio profondo, impenetrabile come una mancanza che ferisce. Così l'ho interpretata immaginando gli attimi
che separano il buio dall'alba quando ancora tutto tace, tranne la nostra coscienza.
Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 10-04-2019 18:02
Una notte di malinconia con i bellissimi versi che solo tu puoi trasmettere cosi, complimenti.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.