Quando anche sul Settimo Cielo la sera

procombe alla notte nera e fonda,

come dita accolite nell’acquasantiera

con le sue mani eleganti ed esperte

sfila i collant da sotto la gonna.

E come il più abile dei trasformisti

passa al pigiamone dal suo essere monna,

e in men che non si dica

con i piedi stanchi, stesa sul divano Lisa

chiede l’ultimo sforzo ai suoi occhi affaticati

controllando al tablet gli incassi con la Visa.

Prima di addormentarsi

esausta, creatura

bellissima e come i suoi collant

senza la più piccola smagliatura.

Domani mattina alle nove in punto

sarà di nuovo nei suoi collant sui tacchi,

sorridente tra tankini e parigine; come ogni

giorno tra scotch e cutter da dietro i pacchi

la starò a guardare devoto come quelle dita

nell’acquasantiera,

nella mia giacca sgualcita.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 239 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Sono una donna:
cittadina del mondo.
Madre, sposa, compagna.
Decido io a chi appartenere,
a chi accompagnarmi.
Sono libera di pensare
dove e con chi andare.
Ho un cervello per ragionare.
Ho un cuore per amare.
Con le mani prendo se mi va.
Con le mani lascio se mi va.
Con i piedi do calci
a chi mi oltraggia.
Con i piedi mi allontano
da chi mi offende.
Non sono merce di scambio
non devo prostituimi per
fare carriera.
Non puoi possedermi se non mi va,
non puoi pensare per me:
quello di cui ho bisogno lo so solo io.
Sono libera di decidere da sola,
libera di andare e ritornare,
libera di darmi a chi merita,
libera di scapparmene da chi non ha meriti.
Non puoi picchiarmi se non ti voglio,
non puoi uccidermi se non ti amo,
non puoi avermi se non sono io a volerlo.
Un uomo vero non possiede,
un uomo vero non minaccia,
un vero uomo non picchia una donna.
Un uomo vero non prende
con la forza:
un vero uomo chiede con dolcezza.
Un vero uomo non uccide le donne.
Se non sei capace di amare
e rispettare una donna,
la tua donna,
tutte le donne...
non sei un uomo,
sei solo un mostruoso,
misero, vile verme
e null'altro.
Sono una donna...
non sono una proprietà:
quello di cui ho bisogno
lo so solo io...
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 107 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Usciva dal tepee, fiera,
e guardava negli occhi il tramonto.
Quando il sole le regalò l’ultimo spicchio,
Raggio di luna accennò un sorriso.

Nel tempo scandito tra il giorno e la notte,
pose sull'erba una peonia smorta.
Vidi luce sul suo volto addolcito
e mi accorsi che si inchinò alla luna.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aurelio Zucchi  

Questo autore ha pubblicato 99 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Opaco lo specchio
che guarda muto
la linea discesa
nel suo contornare

lo stile amabile
del corpo roseo

quel femminil tratto

tenuto lontano
dal rifrangere pubblico
salvato in disparte
dall'invecchiar
guardando
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Valerio Foglia*   Sostenitore del Club Poetico dal 15-06-2014

Questo autore ha pubblicato 259 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Donne..
Come un'idea che sorprende,
così sono fatte di niente,
eppure vibrano di parole racchiuse,
di sogni sorridenti e di amori incompresi.
Sono anime che parlano a sé stesse,
inconsapevoli promesse, di una vita migliore.
Sono fiori profumati appena sbocciati,
e poi conservati essiccati.
Si rompono come vetri sul suolo,
ma raccolgono i cocci e ritornano in volo.
Strappano erbe maligne,
e purificano il cuore, ma
quasi  sempre rimangono sole.
Sono un'idea astratta e di forti colori,
piccole o grandi nei loro vestiti a fiori.
,
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Marinella Brandinali  

Questo autore ha pubblicato 380 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Quella creatura fantastica e misteriosa

che ha come primo esempio la bella Eva

così lunatica che smentisce ciò che prima diceva

ognuno di noi troverà la sua sposa.

Nata e segnalata da un fiocco rosa

saranno cavoli amari con lei, mio padre prometteva

e io facevo fatica a credere a quanto credeva

ammaliato da ogni sua posa.

Di donne ne ho conosciute tante

alcune non mi hanno mostrato interesse

altre da friendzone sono diventate ottime amicizie.

Di sofferenze me ne hanno fatto provate tante

più di quanto pensassero loro stesse

ma mai quante gioie ho provato dando loro sentimentali perizie.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: leo maledetto  

Questo autore ha pubblicato 12 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Fuma il tuo ricordo,
a volte sfuma,
altre profuma.
Sfarfalla,
mi colpisce come una palla,
all’improvviso,
mentre cammino a bordo strada.
Mi trova noncurante a volte,
altre mi sballa.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Ugo Mastrogiovanni*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 27-01-2016

Questo autore ha pubblicato 132 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
53170.jpg
Frammenti di vita nel tuo esser Donna
cresciuta troppo in fretta
nel diventare Mamma. 
Poche bambole ben pettinate 
nei sogni interroti dell'infanzia, 
mille carezze mai ricevute
nella corsa frenetica dell'esistenza. 
Fiumi di parole nei tuoi silenzi 
che riflettono lucenti di tacita nostalgia. 
Quanti desideri sbocciavano lenti
mentre accarezzavi lontani cuori
nelle dolci fiabe della sera. 
La tua fantasia tacita e serena
colorava il vespro d'una quiete tangibile
nell'ingenua semplicità d'un cuor che palpita. 
E ancor ti ritrovi nel mesto soffio del vento
a sussurrar le stesse fiabe d'un tempo
mentre soave accarezzi 
il flebile respiro che porti nel grembo... 
Miracoloso seme della vita, 
un baglior luccicante che precede l'aurora, 
una dolce Creatura di Madre Natura.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Vito Marco Giuseppe  

Questo autore ha pubblicato 112 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Dormi mia piccola amica.
Dormi nella delusione dell'uomo.
Domani giocherai coi tuoi amici veri.
Giocherai con coloro che non giocano con i sentimenti.
Giocherai con bambole che ancora chiamano la mamma.
E' notte nel mondo,
già è notte fonda e il buio
fende il cuore come mille lame taglienti...
La luce della verità si spenge
nella boria del giorno.
Il petrolio delle lampe
non riscalda l'antico cuore.
Verità e amore aspettano fiori sulle tombe.
Dormi piccola mia amica
nel tempo del non tempo,
dove tra ragione e senso
non esiste il battito dell'io penso.
Abbraccia le tue bambole e ascolta l'ingenuo disco,
che nella ripetizione della vita cantava il crescere degli anni.
Dormi ora e domani,
quando l'alba sussurrerà sui tuoi nuovi occhi
vedrai finalmente balocchi e tarocchi
nel villaggio dei semplici.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giancarlo Gravili*   Sostenitore del Club Poetico dal 17-11-2017

Questo autore ha pubblicato 99 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Madre germoglio di luce
sui tuoi figli agnelli sei sacrificio e dolore.
Sei immenso amore.
Annulli la tua anima, soffochi i singhiozzi,
e lasci uscire solo il caldo sorriso.
Porti in grembo il frutto della vita,
anche se a volte è solo rubato,
sotto il peso delle rinunce sai rialzare la testa.
Madre in festa...
Mai dimentica, ti profusi con il bene e dai.
Aspiri il loro odore che ti esalta.
Madre... a volte vana,
del tuo grembo sterile,
sai accettare quel mancato amore.
Ma quel seme non nato nulla toglie.
Madre nell'anima... ti colmi.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Marinella Brandinali  

Questo autore ha pubblicato 380 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Per te che parli

dell’universo maschile

da donna acerba,

e per te che la spalleggi

sugli uomini, da

adorabile donna in erba.

Per te che stasera

non hai voglia

del solito caffè shakerato,

e per te che sentenzi che il maschio

abbia altro al posto del cervello.

E lo fai tutto d’un fiato.

Io che nel fervore di una donna riesco

comunque a vedere due occhi dolci,

ironicamente forte della mia veneranda età,

rovino tutto con te donna imputandoti

di averti dato affetto incondizionato: non

riesco a dirti amore… ma solo mezze verità.  

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 239 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
28951733 716659818722624 6973116379876556800 n

Quelle lacrime innocenti , che fanno rumore dove batte il cuore , un corpo indifeso piccchiato dalla violenza. Uomo ti senti vivo mentre le fai del male e spegni il suo sorriso? Mentre le fai del male spegni il suo sorriso, ucci di a pugni chi ti ha tanto amato? Le tue mani prive di amore m ma ricche di odio , odia la tua vita perche' non sai amare..... Coltiva, annaffia quel giardino, la tua casa dove la tua donna, ama e illumina la tua presenza perchè anche tu sei nato da una donna.

Sei nato anche tu da una donna, quindi amala e rispettala non abusare del suo corpo , non violentarla rispettala perchè ha bisogno solo del tuo amore . La donna va onorata non solo l' otto marzo , ma ogni giorno : Siamo madri ci dedichiamo alla famiglia a chi ci da felicità dateci solo amore e non dolore.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Anna  

Questo autore ha pubblicato 143 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Orma gentile di questa umanità,

una carezza che il velluto non saprebbe riproporre.

Nel mio cuore s’appoggia lieve la quiete della tua esistenza

e da me non avrai tocco che d’amore.

Lampeggia d’ignoranza l’ombra dell’uomo

cade in ogni crepa a cui la violenza si svela.

Il buio scoprirà quant’è estesa la luce

e non ci sarà più notte

se della tua presenza ricopri

la parte più vasta di questo universo.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Henry Lee  

Questo autore ha pubblicato 41 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

noi chi fummo

o mia turba e furba focaia d'anim inquieti

tremo si d'ora e avanti

fremo coi miei rimpianti

e tu che occhieggi con tal altri

o noi si poveri e dentro amanti

riservo il mio sentore pei bei paesaggi

e taluni mi rincuoran

fermati ad ammirar si nobil raggi

sfuggenti geometrie senza scoraggi

che si è ver

che più bel dea natura

son miraggi........


sirena-300x249.jpg

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: luposolitario  

Questo autore ha pubblicato 54 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Donna essenza..
Filugello di seta che avvolgi la vita,
Così trasparente e tenace,
Non molli la presa.
Sostenuta da coraggio e lacrime nere,
Non ti rompi neppure
Sotto al dolore più cupo,
E continui sotto il peso il tuo cammino.
Madre dentro e fuori,
Copri con la mano altri cuori,
Grida straziano l'animo tuo perlaceo
Ma non scalfiranno.
E tu, dritta sotto un sole che acceca,
Sposterai sulla strada i sassi
Veleggiando il tuo passo.
Nuda e fragile,
Sarai ...luce.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Marinella Brandinali  

Questo autore ha pubblicato 380 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.