Staccano sassi
via
dal vecchio muro:
crede lo storno,
nel suo nido,
di essere al sicuro.

Facciate tenui celano dolore;
fuori all'ospedale
un colombaccio fa finta di niente
intento al suo covare.

Proseguono,
mandando avanti un'altra onda,
un fiume e la sua piena;
silenzi di universo
mostrano la schiena.

Vite di sputi sulle mani
di un abito stirato
che fa elegante un viale d'alberi
dove piano si consumano
fragili passati e gli ultimi saluti.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Davide Bergamin  

Questo autore ha pubblicato 104 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Ibla
+2 # Ibla 12-05-2019 11:38
Che bella poesia!
Mi ha trasmesso una malinconia indicibile.
Per tutti quelli che ci lasciano mentre il mondo sembra proseguire senza accorgersi di nulla.
Eccellente!
Un saluto da Ibla.
Davide Bergamin
+1 # Davide Bergamin 13-05-2019 00:54
Grazie mille. Un abbraccio a te Ibla.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.