quante volte l’ho sognato

fortemente l’ho desiderato,

tra gioia e dolori che la vita mi ha dato

porto addosso una piaga

 per quel figlio mai nato,

e tra gli abbracci di ogni bambino

provo odio per questo destino,

che mi ha impedito questo

 desiderio costante

per me sarebbe stata la

cosa più importante,

anche davanti a banali illusioni

 e sciocche previsioni

ho sentito dentro di me

 sconvolgenti emozioni,

quel pianto di un bambino incantatore

mi tiene sveglio ogni notte

 non sarò mai genitore,

gli avrei insegnato a seguire i miei valori

gli avrei impedito di avere i miei timori,

ho sofferto e soffro ancora tanto

ma questo sarà il mio più atroce rimpianto,

avrebbe preso di me la dolcezza,la tenerezza

gli avrei nascosto la mia debolezza,

so che la mia fragilità è

un imperdonabile errore

ma io vedo tutto con gli occhi dell’amore,

quel figlio che non ho mi ricorderà sempre

 quell’ uomo che non sarò mai,

signore mio il dolore che

 si sente forse solo tu lo sai.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: GENNY CAIAZZO  

Questo autore ha pubblicato 46 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.