Il cielo soggiorna

sugli emisferi del cuor mio.

 

Oh vita che schiudi i miei giorni,

in un gioco d’illusioni,

come il bozzolo d’una giovane farfalla,

raccogli l’abaco del mio dolore,

addizionalo al vento

come una lanterna d’orizzonte acceso

e poi ricuci la caraffa dell’amore,

non t’accorgi che manca il suo diverbio

al vestito del mio stupido silenzio?

 

Oh vita che come lacrima ti consumi,

naufraga finalmente fra le mie braccia

come il mendicar d’un senso perduto

e nei tuoi alfabeti ritrovato,

scrivi pure il diario inconfessato del mio tempo,

t’aspetto, oh vita, come autografo

d’un cielo intriso di poesia

che nasce sul mio petto.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: rosa dei venti  

Questo autore ha pubblicato 620 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.