All'ombra d'un uomo morto da poco
Solo un vermiciattolo se ne stava
A questo talvolta il morto parlava:
''Rimpiango la moglie, il mattino, il fuoco''

Soavemente lo consolava il verme
Strisciandogli stanco sugli arti scarni,
E mentre ingoiava le sue carni,
Rispondeva al cadavere inerme:

''Porterò le tue spoglie al fango e al fiore;
Riciclo la carne per un motivo:
Ricomincia vita quando si muore''

E così, immerso nel tempo cadente
Chi vive al mondo è niente da vivo
Ma da morto sarà un mondo di niente

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giulia  

Questo autore ha pubblicato 11 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Vincenzo Patierno
+1 # Vincenzo Patierno 21-06-2019 16:31
ricomincia la via quando si muore: tutto si crea e niente si distrugge. bella
Antilirico
+2 # Antilirico 21-06-2019 19:02
è bellissima… inizialmente sembra una descrizione del concetto nietzscheano dell'eterno ritorno, e la forma del dialogo tra il verme e il cadavere suscita intense rimembranze dei rispettivi dialoghi tra Zarathustra e i vari interlocutori nel celeberrimo e insuperabile "Così parlò Zarathustra" (quello col pastore che mangia il serpente, ad esempio). ma l'originalità dell'intera composizione e, direi, del suo furore iconoclasta emerge con dirompenza soltanto nei due versi finali quando, ribaltando quelle che sembravano le premesse stesse del testo e, soprattutto, quanto contenuto nella terza strofa, il lettore è crudamente e inesorabilmente catapultato in quell'agghiacci ante e onnicomprensivo "niente da vivo"/"mondo di niente", tragico e amaro destino di una nuda Umanità... bravissima...
Giulia
+1 # Giulia 21-06-2019 19:08
Wow!! Grazie mille!!
Entropḗ
+1 # Entropḗ 22-06-2019 00:21
Piaciuta moltissimo, complimenti per questa perla.
Alessio
+1 # Alessio 22-06-2019 01:50
Mi unisco al commento di Antilirico: quei due versi finali sono come un secchio d'acqua rosbesciato sulla testa di chi legge, e contengono un fondo di verità

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.