Si stese nel braccio suo
a mostrare ciò che è creato.
"Vedi?"
Non c'è più posto per nascondersi
ad aspettare sere di grilli e canti,
né lucciole di stelle.
"Vedimi!"
Il grido silenzioso
tra una folla di nessuno
si fece stretto a un bimbo,
esule nel corpo di un gigante
che odorò fiori, ma non colse,
correndo -fragile- senza calpestare mai.
"Vedimi, ti prego"
Un'acqua stanca mormorava,
intenta, nel suo colore oscuro,
a raccontare di pene e croci.
Le nostalgie superstiti,
ora mescolate agli anni
si immersero tra nebbie
che confusero le immagini.
"Vedimi ancora"
Un'ombra d'uomo azzardò l'idea,
ponendosi ad esempio del giusto
o del salvabile.
Tenendo chiusi gli occhi,
il bimbo,
vedeva, si, ma il tempo prima
di essere un gigante.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Davide Bergamin  

Questo autore ha pubblicato 97 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.