La verità è una rappresentazione [...] e la rappresentazione è verità. La cosa migliore è accettare così com'è la rappresentazione. 
                                                                                          Murakami Haruki




La piccola figura apparsa
-da quale spigolo?-
parla col mio pensiero
già prima che alla tempia sia rintrono.
Lui che amministra la follia
delle mie nocche vuote
mi fa un bilancio di ectoplasma
-tale divento, pane al suo sorriso.
Lo chiama il tempo
mi muore in faccia lento
tronchetto erboso che si affloscia.
Nelle orbite ho pianeti sconosciuti,
il pugno della mia esistenza
picchia sui muri per fuggire a ieri,
al non sapere se aggrapparmi e dove
se ho scelto il poco eterno
di poppe madide di una compagna
per l’illusione di non essere
un niente d’ossa
al cospetto di un niente
dalla statura enorme,
addio empatico che latra
rinchiuso nella nicchia.
Ora, chi mi resuscita?




 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Rita Stanzione*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-07-2015

Questo autore ha pubblicato 669 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.