Ho sempre voluto scrivere qualcosa
sul dentifricio.
E ora che mastico qualcosa di francese,
ora che schizza bava sull'altro volto,
ora che l'enantiomero del bacio segue il canto,
abbasso lo sguardo.

Massaggio erotico del cuore d'osso,
genocidio dei Fusobacterium nucleatum.
Ognuno dice la sua.

Il rosso sa di blue ed il blue sa di bianco.
Scivola il sangue di battaglie oltre il tappo.

Strizzo l'anima invecchiando la boccetta:
ora che è magra si sente bella;
ora che è vuota si sente infelice;
ora che è deforme si sente a casa.

Lo spazzolino si gratta la testa
con le sue rilassanti ossessioni:
mente sporca in corpo sano.

Alla fine è la bava del matto in manicomio.
Più lucida la macchia di fumo.

Ma le parole profumate, tanto,
appartengono solo alla notte
che a volte decide di fare a metà.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Nicola Matteucci  

Questo autore ha pubblicato 351 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.