È facile per te scrivere romanzi
imprimermi nel tempo di piccoli rifugi
macchiare il silenzio di fiori
perché ti abbia negli occhi, fino
al profumo accartocciato
Aleph della tua penna,
nel primo rigo inizia l’illusione
delle porte sull’amore circolare
largo di cielo, d’alti e bassi
pieni e vuoti come le quattro stagioni
Mi disegni mistero
con pupille di mediterraneo
guardare te
scolmarti la sete di conoscenza
di quanto siamo centro, un punto
per arrivare all’universo
Dove si va l’uno dentro l’altro?
Negli spazi a perdersi, puntando in alto
Cos’è questa scia che abbranca il fiato?
Scrivilo
che siamo stati qui
sull’ultima pagina, con le immagini vive
a luci spente


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Rita Stanzione*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-07-2015

Questo autore ha pubblicato 663 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.