donnevino

Al chiar di luna vorrei cogliere l’artemisia
per preparare una magica pozione
che ti riporti a me, mio diletto.
Di dolce assenzio m’ inebrierei
nell’attesa del tuo ritorno,
un calice colmo ne berrei.
Potremmo brindare insieme quel giorno.
Ecco che la luna dispettosa
s’adombra e va a seguire la penombra,
s’ammanta del suo velo scuro,
mi rimane solo la paura
di quel buio che rimbomba
sussurrando un silenzio senza eco,
d’un tempo senza tempo che fu.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: genoveffa frau*   Sostenitore del Club Poetico dal 16-11-2017

Questo autore ha pubblicato 91 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Antilirico
+1 # Antilirico 30-06-2018 14:37
Bella...
Michelina
+1 # Michelina 01-07-2018 19:24
Bella la luna e i suoi misteri.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.