QUEL che fu' del mio tempo 
Incominciò in un giorno pallido 
Si camminava scalzi sulla terra 
E l'ora più importante 
Era quella della preghiera 

ORA non chiedermi quel che conta davvero 
Io mi limitai a sorridergli al gelo 
Quando nell'ora buia della sera 
Chiamarono il mio nome 
Da una terra a me straniera 


FUI obbligato a rispondere subito al fatto 
Anche se i miei 80 anni mi destarono qualche sospetto 
Come è strano pensai 
Non riuscire a muovermi in questo mio letto 


NIENTE  varcava il silenzio 
Pensai addirittura d'esser morto 
Ma sorrisi all'essenza  assurda 
La morte si sa 
E' la abbozzo di un idea 


 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: man son  

Questo autore ha pubblicato 32 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.