oggi sono da te, i tanti luoghi

dove crescevo -li giro attraverso le foto

attaccate in cucina per avere alla mano                    

tu l’appiglio, mentre la chiglia

prende una tenera curva e sommerge.

dal  balcone c’è il valico, oggi è tanto vicino

un palmo per un viaggio e le campanule lassù

gioielli di roccia in tono col lillà dei tuoi capelli.

ti arrampicavi

cerva che non teme dirupi

e ora vieni incontro su un perno artificiale

tra mura sicure. sfiori di un tatto leggero

la guancia, il sorriso che ti lascio

è anch’esso orma di sponda

ma solleva -poi dici- da tutta questa Terra

che scotta.



1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Rita Stanzione*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-07-2015

Questo autore ha pubblicato 664 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Sabina
# Sabina 14-09-2019 15:14
Bellissima

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.