Ne sento il richiamo.
Sento il rumore
dell'onda salmastra,
tra i voli roteanti
e il closcar
di mille Gabbiani,
mentre affondo
i passi nella sabbia.
Ed eccolo! Quanto Mare!
Quanto orizzonte
per soli due occhi!
Cos'è che mi fa stare qui
ogni volta stupito?
Ad aspettare e gioire
nel vederti arrossire
al sorger del Sole.
Cos'è, non lo so!
Ed è così che,
mi lascio andare
nel tuo ventre.
Per poi risalire
e tra i flutti e l'onde,
col pensiero,
verso l'infinito navigare.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Loris Marcato  

Questo autore ha pubblicato 144 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Passione infinita
+1 # Passione infinita 30-09-2019 23:29
bellissima.
sempre bravo!
un saluto
ING BOWLING
+1 # ING BOWLING 01-10-2019 13:05
Ahhh ... il mare, certo che quando chiama, chiama ... poi c'è chi lo sa ascoltare. Grazie
Marinella Brandinali
+1 # Marinella Brandinali 01-10-2019 14:36
Vedi come fluida e accarezza proprio come la sua acqua bravo
Kate
+1 # Kate 02-10-2019 15:49
l'inafferrabili tà del perpetuo divenire tra i respiri anelanti dell'anima. apprezzata.
Alberto Berrone
+1 # Alberto Berrone 03-10-2019 23:22
bellissima poesia :-)
Cari saluti :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.