Non esiste altro giorno
se non quello che scaturisce dal costato dell'alba,
se non quello annunciato dal cinguettare dei passeri,
oppure dal gracchio del merlo.
Ciascun Giorno decanta i suoi fasti secolari,
millenari,
senza ripetersi mai,
pur giungendo sempre…
urgente come il respiro
eccessivo come l'infinito,
prima di andare per poi ritornare,
come la marea…
un eterno fuggire e riapparire,
eppur senza mai sfiorire.










1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: FlorYana  

Questo autore ha pubblicato 34 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Morgana
+1 # Morgana 02-11-2019 13:00
Profonda ed intensa
Tea
+1 # Tea 02-11-2019 15:24
... molto piaciuta ho sempre i brividi... quanto breve è il nostro tempo... questo mi ha trasmesso... ciao ;-)
Simone
+1 # Simone 06-11-2019 11:17
Un ode al giorno che faccio mia ...letta già e letta oggi ...tutto un po' appare diverso .. molto bella come tutto ciò che trasmette la tua poesia ...un saluto

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.