Il cuore mi sussulta al sol sentirti nominare,
come geloso del tuo immenso essere.
Irto il muraglione a protezione della tua storia
contenuto da archi, le tue porte.
La più piccola, la sentinella in tua difesa, 
la  “Posterla” che sulla valle dai coni in pietra
e i mille colori che ti ornamentano,
si affacciava per allertare il popolo, del nemico
e la notte, scintillare di luci dalle "casedde"
con madre luna a colorarti d’argento…

In quella terra rossa, recintata
da muretti in pietra incastrate ad arte,
ricordi di cadute e ginocchia sbucciate.
Li… ai piedi della tua valle, ho calpestato
grappoli d’uva che dai tuoi vigneti
imbrattavano di mosto la gioia degli artigiani,
tra boschi e ulivi secolari dai tronchi scolpiti
dalle intemperie e sole cocente del tempo.
Di quanta storia è cosparsa la tua terra
palpabile nei viottoli che ti caratterizzano.

L’elegante piazza Immacolata che ti rappresenta
al mondo, con le tue arcate,
come comodo salotto per ammirare
la maestosa impronta del tuo tempo,
San Martino.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Leonardo Ancona  

Questo autore ha pubblicato 4 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Clorinda Borriello
# Clorinda Borriello 30-11-2019 07:34
Mi ci sono trovata dentro, ho goduto di un panorama stupendo mentre ti leggevo. BELLISSIMA
Benvenuto fratelloneeee :lol:

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.