Sul far della sera  
i lembi di trina si scuotono  e 
una gioia leggera scompone  il  rosa d'Aprile 
ricamato di rondinelle  

si placa l'essenza delle forsizie gialle  in fiore e 
cirri freschi e fiati di vento 
 sposano il mare .


Sul far della sera 
ogni tavola siede e  accoglie  di pane e vino le labbra 
 le ore hanno il passo lento , 
 il vapore si addensa ai vetri e ricuce   briciole di luna
    è rugiada che cola alle pareti 
mentre  un pieno d'occhi  e piedi scalzi 
parlano ad un frammento di cielo alla  finestra  e 
tutto prende forma .  

 E' li che lei  si posa , 
nelle cose che si vedono e che non si vedono
 carica di  sentimento ,
colma di  silenzio , 
gonfia di sogni ,
tra le corolle chiuse ,
tra le vetrine accese ,tra gli alberi  che danzano frenesie 
mentre  piccole lanterne  passano e
infiammano le vie .

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 753 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Cosetta Taverniti
+2 # Cosetta Taverniti 17-05-2018 21:18
Caterina è bellissima complimenti.
Silvana Montarello*
+1 # Silvana Montarello* 18-05-2018 15:59
Emozioni di un'osservazione poetica molto elevata, bravissima complimenti.
Caterina Morabito*
# Caterina Morabito* 20-05-2018 21:40
Un grazie sincero carissime . :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.