I tuoi occhi
stelle inesplorate,
lontani anni-luce dai miei
rubini rosso sangue
topazi
animati da candida luce solare
verdi smeraldi
figli della grande Madre Terra;
origine primordiale di tutto
sale della vita
ricchezza infinita
fonte di ogni tipo di felicità e gioia
mai accolta da mente umana alcuna.

Rilucevano d'un gran lume
d'un gran bagliore
che produce
un eterno accecamento dell'anima
stupefatta
imprigionata
nelle dolci ragnatele
intessute dal tuo sguardo,
che come un ragno
aspetta l'arrivo d'una mosca
da cogliere alla sprovvista.
Volai tranquillo per un po'
poi sentii il tuo caldo
abbraccio
chiudersi amaramente sulle mie piccoli ali logore.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Cosi03  

Questo autore ha pubblicato 4 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.