Stava
il parroco affranto
sull'orlo del precipizio,
di melma avvolto,
con le ruspe agghiaccianti
e le tasche cadenti...

Il capo chinato
affondava
come quei bracci di ferro,
tra le falangi arrabbiate,
coi denti nei lombrichi...

Ah e qual preghiera silente
si alzava
tra gli stipiti ferrosi,
ma nulla mutava
tra i secondi ansiosi...

Impotente,
tornava il religioso
alla canonica;
un timido saluto
e spariva tra le mura,
scomparve
e non lo vidi mai più...

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Diego Crozzolin  

Questo autore ha pubblicato 68 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Francesco Losito
# Francesco Losito 24-10-2012 21:20
Guarda....l'ave vo letta ieri per ben tre volte e tra me e me mi chiedevo che cavolo volessi....Ades so mi sono illuminato di sapienza scrollando l'ignoranza cieca di 24 ore fa.....Caspita che metafora! Caspita che analogia! Davvero una botta di genio non indifferente!!! ! Complimentoni!! ! Un po' dark o gruesome.....ma ha un effetto simbolico d'una penetranza infinita così come il mistero donde si ispira....
Diego Crozzolin
# Diego Crozzolin 24-10-2012 21:42
grazie Francesco, davvero :) diciamo che questo testo descrive un piccolo fatto davvero successo, ovvero il parroco che va un attimo a vedere i lavori che si svolgono dietro la canonica, mi saluta e torna per i suoi mestieri...da lì ho riflettuto sulla vera rilevanza pratica della religione, ho capito che la religione resta totalmente disarmata davanti all'atto concreto dell'uomo...si nasconde sempre di più perché non sa come reggere il confronto
Francesco Losito
+1 # Francesco Losito 24-10-2012 21:52
Debbo dire che l'interpretazio ne che m'ero figurato è totalmente diversa da quella reale che mi hai testè detto, però anche questa è infinitamente inrigante....si amo uomini, esseri imperfetti, codardi vigliacchi o coraggiosi od altruisti.....H ai incontrato un Don Abbondio.....no n fargliene una colpa...debolez ze umane..uno il coraggio o altre cose.....non se le può certo dare da solo.... Comunue il fatto che la lirica scritta con altri intendimenti accenda riflessioni magari non consonanti è la prova che la poesia è la principessa occulta delle arti, tutto si può dire o non dire, puchè vada dritto al cuore e poi al cervello. Ti rinnovo i miei complimenti.
Diego Crozzolin
# Diego Crozzolin 24-10-2012 22:12
Mi è piaciuto il paragone del Don Abbondio e lo condivido apertamente...c redo comunque che, per antonomasia, si possa definire tali la maggior parte dei membri degli ordini sacerdotali minori...e io son sempre dell'idea che la religione manchi di concretezza, di pragmatismo...c omunque con l'ultima tua frase mi hai aperto un mondo, hai detto una cosa per me bellissima e davvero efficace :) grande Francesco, davvero :)
Francesco Losito
+1 # Francesco Losito 24-10-2012 22:32
Vedi...quando si parla di Religione-Vatic ano....etc....s pesso si scade nell'anticleric alismo gratuito....(ov viamente non mi riferisco a te). Spesso penso a quei religiosi che danno da mangiare ai poveri con la caritas, a quei missionari che massacrano in Nigeria, a quelli che pregano e poi i ammazzano in Chiesa...E' vero, ci sono preti pedofili e bastardi che andrebbero messi al rogo....(infatt i quello si meritano, secondo me), ma bisogna tener conto che soggetti umani deviati spesso utilizzano la veste talare per mascherare le loro reali tendenze.....no n sono i preti che sono pedofili ma i pedofili che si fanno preti per non essere scoperti...anzi per approfondire e dilagare la loro perversione.... questo va datto ma spesso non viene evidenziato dai mass-media....I o non sono un bigotto....ho i miei dubbi...ma ben venga qualsiasi persona di buona volontà, cattolica musulmana scintoista..... purchè brava persona. La religione è a un livello superiore...non si può accedervi se non si è UMANAMENTE giusti. Ciao, un abbraccio.
Diego Crozzolin
# Diego Crozzolin 24-10-2012 22:37
la religione è un sistema che l'uomo ha costruito per crearsi delle sicurezze e che dovrebbe prevedere una serie di codici etico-morali da seguire, ma certamente è l'atto che fa il vero uomo, non la religione...:) hai fatto una bella riflessione Francesco, come sempre efficacissimo :) un grande saluto :)
Francesco Losito
# Francesco Losito 24-10-2012 22:46
Hai spostato il problema.....la religione l'ha costruita l'uomo.....ma perchè ha sentito l'esigenza di costruirla? Qui sta il punto. Se io o una idea, secondo te, ce l'ho perchè l'ho creata io o perchè qualcuno ce l'ha messa? Se io non credo e nego Dio che motivo avrei di negarlo? Si entra nella filosofia più raffinata, nelle prove ontologiche.... nel mistero insomma che la tua bella poesia con le sue plastiche e inconsuete figure ha riverdito i modo originale e desueto. Ancora supercompliment i.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.