Inevitabile arrendersi alla morte?

Sarà come voi dite…
ma concedetemi,
se non proprio il rifiuto,
almeno il piglio di sfidar certezza
armandomi del solo mezzo ammesso
che mi permetta di coccolar la vita
così come nel cuore custodiamo
il ricordo d’una persona amata.

Non è, la mia, folle presunzione
il mescolar le carte già assegnate.
È il forte anelito dei belli
che se allo specchio capita guardarsi
si vedono i capelli ancora folti
e gli occhi esprimer l’impazienza
d’esser portati in giro per il mondo
e di cader nel nuovo che li acceca.

Non è, la mia, folle presunzione
da essere confusa con la paura tetra.
È solo il volo di un gabbiano triste
che cerca in cielo aperto il suo riscatto.





1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aurelio Zucchi  

Questo autore ha pubblicato 225 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Mi guardo intorno e vedo le sbarre,
Sono come un uccellino in gabbia,
Aspetto di volare.
Campi di cemento accolgono il mio sguardo.
Il pensiero mio rifugge dallo scappare,
Ciò che c'è oltre non è preferibile.
Siamo prigionieri in un carcere voluto,
Criminali senza colpa.
Che questo mondo manchi di speranza,
poiché non si vedono più le stelle?
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Lava  

Questo autore ha pubblicato 5 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Si vive prevalentemente
di pensieri sofisticati
che annebbiano la mente...
e di sorrisi mai dimenticati,
che a volte alleviano un dolore
anche se per pochi minuti...
mentre dentro ancora si muore
di amori vivi o mai vissuti.
È un eterna lotta questa vita...
fatta di vuoti e tanta speranza,
è una salita ben costruita...
e se le gioie non sono abbastanza
non la definiamo una corsa fallita
ma solo una mancata alleanza.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 154 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

La polvere s’era appena seduta sul trumeau

quando la pioggia cominciò la sua latitanza,

avrei scommesso sull’immortalità dell’estate

ma il suo desiderio d’evasione mi ha ingannato nuovamente.

A pochi passi da un freddo ancora più freddo

ho avvertito un senso di alterazione,

come se le tue mani avessero smesso di essere una coperta

e si rassegnassero alle macerie.

Se smetti di tacere cielo mio

ti restituisco i pensieri che mi hai lanciato,

ora lasciami osservare il suo sguardo

anche quando le finestre son chiuse.

Mi sono sempre adagiato negli angoli bui delle stanze

in attesa che la luce s’accorgesse di me,

l’hanno chiamata depressione,

se solo sapessero quanto ho riso!

Siamo fatti di presenze

appesi a tramonti morti dissanguati ,

in attesa che ritorni quella parola inespressa

col suo profumo di gioventù.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Henry Lee  

Questo autore ha pubblicato 75 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Rumori, voci, 
tutto ovattato 
dal mare in petto. 
Stesa su un letto
di pronto soccorso,
aspetto controlli
e cerco di calmare
questo tumulto
interiore. 
NOTTE orizzontale, 
capire quanto
siamo fragili, 
labili, basta poco
e dobbiamo dipendere
dagli altri. 
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Morgana  

Questo autore ha pubblicato 68 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Quanta forza in queste mani,
ancora hanno movenze lente,
lasciano scie interminabili
di brividi perversi.
Tastano le note di un pianoforte
dalla dolce sinfonia che,
entra nell'anima ed acquieta i sensi,
e ogni verso di una intensa poesia.
Quanta forza in queste mani che faticano
per una carezza che stringe
il cuore già usurato dal torturato amore.
La stessa forza che hanno, quando
impugnano una penna per scrivere
come una lama affilata che
taglia in due ogni parola dettata
dalla mente insana.
Quelle stesse parole che rimangono
fisse nel tempo... sul molo di ghiaccio
in attesa di eventi o di un onda impetuosa
che spazza via la ragione
aprendo il sentiero di una perfetta follia.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 154 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Scrivo parole che smaniano per uscire
ma bruciano dentro,
picchiano le gote,
planano, sospese nel vuoto,
e si fanno sentire forte,
Mi serve scriverle.
È l'amore che me le detta
ed io le metto nero su bianco.
Sono sentimenti difficili da descrivere
e li scribacchio in mille modi diversi...
affinché leggo e le interpreto ogni volta.
È una monotonia mai uguale,
che si amalgama all'istante, in un ricordo
o in qualcosa da dimenticare.
Scrivo parole senza senso,
parole che fanno male,
parole che restano nel tempo,
parole che si porta via il vento,
composte da sillabe che una volta unite,
non si lasciano più e non ci lasciano più.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 154 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Era destino
in questo cammino
verso la libertà
di anime silenziose
di pensieri che volando
di nuvole
in questo cielo blu...
Arriva la notte
con i suoi sogni
le sue costellazioni
di un'estate ormai lontana
con le sue incertezze
lasciati in sospeso
dalla presenza
dalla speranza di cambiare.
Esser forte
non distruggere
ma sorridere
guardare negli occhi
e perdonare.
L'immagine può contenere: nuvola, cielo, albero, pianta, erba, spazio all'aperto e natura
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Silvana Montarello*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2013

Questo autore ha pubblicato 733 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Pesare il coraggio
sotto il cielo silenzioso
percepisco il tacere
di questo giorno
brilla di speranza
nel pianeta dell’Amore.
Mi perdo ogni volta
nel più atroce ricordo
della tua voce
di quel momento unico,
irripetibile,
intenso,
meraviglioso,
quando i tuoi occhi
la tua bocca
si posarono su di me
le tue mani mi accarezzarono
mi lasciarono andare...
non avrei mai voluto abbandonarli.
L'immagine può contenere: oceano, cielo, nuvola, spazio all'aperto, natura e acqua
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Silvana Montarello*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2013

Questo autore ha pubblicato 733 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Si dissolve nell’ombra del mistero
la flebile luce di un antico pensiero.
Boato di guerra, un ricordo che torna a galla,
mi paralizza, mi distoglie dal presente,
mi tortura e consola nello stesso istante.
E dinanzi al mare d’inverno
con l’iconica Luna smarrita e tradita
dal continuo sciabordio dell’onda impazzita.

Si occulta tra le nubi,
respinge il mio desio dai mille dubbi,
anch’essa forse è in cerca di un alibi.
Ma io sono innocente,
ho reso tutto nell’ascolto e in amore
eppur mi sento in errore,
cerco risposta in ogni dove,
cosa mai avrò commesso nell’altrove?

Un urlo sommesso in un silenzio d’onore,
è un istante furente, una calma apparente,
ed io che ostento pace
seppur la Luna si nasconde e tace.
La strada è buia e infinita
nell’invisibile insidia di codesta vita,
ma sarò paziente durante il cammino
e mi aprirò nella pienezza di ciò che sono.

Lo sguardo s’illumina e dilaga nel vuoto,
è un viaggio solitario a ritroso nel tempo
che anela a svelar i segreti della mente.
È notte, è sempre notte,
e spero che il buio perda le mie tracce.
Tendo la mano ad una Luce immaginaria
in questa indagine segreta
di origine millenaria.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Vito Marco Giuseppe  

Questo autore ha pubblicato 115 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Eccomi,sono giunto.
Alzo lo sguardo e vedo l'occhio opaco del cielo.
Lui ci osserva,ci dá fugace speranza.
Non ci lascia soli,
è sempre presente nella notte.
Silenzio è intorno a me,
Neanche il cuore batte più .
Sono davanti ad una porta con un mazzo di chiavi sconosciute.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Lava  

Questo autore ha pubblicato 5 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Miravo a stelle per rubarne luce
con cui inondar l’anima e il cuore
ma si spegnean al primo sguardo mio.

Chiedevo al sonno mare e solo mare
per ripartire dal miglior fondale
ma l’alba mi svegliava tra le antenne.

Cadean versi su foglio immacolato,
frantumi al tocco della bianca carta,
racconti persi in un intenso affanno.

Il sogno che si avvera non esiste
se non per chi, poeta fino in fondo,
s’aggrega lesto al volo del miraggio.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aurelio Zucchi  

Questo autore ha pubblicato 225 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.


Sopra un cielo scarno di luce
ritornano i fantasmi a gridare un nome,
e perpetua rimane la paura del vuoto,
a colmare i giorni che trascorrono lenti.
Sei fuoco d'amore quasi spento,
ma non riesci a volare.
Tu cerchi qualcosa, dentro questo mondo
sempre più stretto e opaco,
cerchi il tuo posto che sia respiro,
mute sono le bocche e gli
occhi persi su cristalli creano
automi che non hanno emozione,
guidati come pipistrelli senza direzione.
Tu, no tu vuoi ancora gridare e fare sentire
la tua voce che ancora ha tante cose da dire.
Respira, prendi fiato qualcuno forse
potrà ascoltare ...

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Marinella Brandinali  

Questo autore ha pubblicato 423 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Balla anche lei, piccina

nell’abbraccio morbido

di quell’ombra in bilico

sul riflesso della luna...

elegante sui suoi passi

lenti e nobili, nell’alba

che incarta inopportuna

un’ultima volta i palazzi.

Bimba, adagiata nella culla

la guarda da dietro mentre

sale la scalinata di lenzuola

verso il cielo che l’accoglie

come un cellophane… sulla

coda di un pianoforte vola

ora lei in un valzer di angeli…

Lei che non sa di piangere.

Giorno dopo giorno ballerina

è cresciuta su quei passi,

intanto  tutti intorno a lei

sono diventati troppo altrove.

Espressioni dure come sassi

su visi tirati, troppo lontani

tutti, e stanchi, troppo grandi

per ricordarsi di girare la manovella.

Da quando nella flebile fiamma

d’un mattino l’ingranaggio s’è rotto.

Diciotto soli passi lenti e morbidi

come l’abbraccio di una mamma.

Ora che il carillon ha ricominciato

a girare ballerina è libera di danzare

…il cielo adesso l’accompagna

in un tempo di 3/4 sul pentagramma.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 439 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Succede una mattina
al nascere del sole,
muore il sorriso.
Succede che la vita ti sveglia brutalmente
nascondendo la visione brillante.
Si spengono gli occhi
si alzano barriere
quel destino che credevi 
quasi realtà scompare
senza far rumore.
Un'onda gigante travolge tutto,
si infrange contro la luce.
Non si placa neppure
davanti alla forza
dell'immenso paesaggio silenzioso,
senza più la magia del tramonto
dove lo sguardo diventa deserto.
L'immagine può contenere: oceano, cielo, crepuscolo, spazio all'aperto, natura e acqua
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Silvana Montarello*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2013

Questo autore ha pubblicato 733 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.