…così mi prese la voglia d’esser folle

e costrinsi mente e mano e scrissi

come un contadino che semina tra le zolle

ma il suo sguardo è vuoto e ha gli occhi fissi

…della poesia natura, fui stufato

il tempo della gioia che io vissi

era già chiaro oramai d’essere andato

e quindi relegai i ricordi negli abissi

…ora ,solo, pronuncio cose insensate

che sembran fare il verso alle emozioni

come di bolle prese dal vento e portate

a morir dove nascono spuntoni

…allor mi faccio specie forse adesso

che seppur pazzo vivo del giusto vero

e non di quando ero in amplesso

per ogni suo respiro e suo mistero

…l’amor poesia adesso giace in una buca

scavata per le troppe grandi delusioni

e io ne son riverso sopra e con la nuca

posso sentir ancora i suoi spintoni

..devi morir capito, ogni cosa ha un tempo

le dico mentre ancora ammasso terra

hai fatto troppa guerra e troppo scempio

ora la mia bocca per te si serra

…ma prima di andar via, sento commosso

di mettere almeno un segno a ricordo

e faccio una croce su con un sasso e un osso

e segno tutto un solco come un bordo

addio poesia, preferisco vivere di te senza

in modo semplice e più superficiale

quando c’eri tu sentivo la mia assenza

ed ogni lacrima faceva cento volte male

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: tempo di poesia  

Questo autore ha pubblicato 193 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

poesie profonde*
+3 # poesie profonde* 29-10-2013 17:36
Questa poesia molto intensa e scritta elegantemente, mi è arrivata dritta al cuore. Grazie tante anche per la condivisione, un carissimo saluto Benvenuto
tempo di poesia
+2 # tempo di poesia 29-10-2013 17:41
Grazie sei molto gentile e generosa, un abbraccio ciao
poesie profonde*
+3 # poesie profonde* 29-10-2013 17:43
Non dire addio alla poesia, perchè sei davvero troppo bravo, grazie un abbraccio anche a te
nabrunindu
+2 # nabrunindu 29-10-2013 19:19
ma è bellissima, io adoro le rime, perchè fanno danzare la poesia, complimenti! +5, e ...benvenuto
Falug
+2 # Falug 29-10-2013 20:28
Appena arrivato e già ci lasci. La poesia può essere crudele, bisogna essere "uomini di voce dura.
Quelli che domano cavalli e dominano i fiumi:
gli uomini cui risuona lo scheletro e cantano
con una bocca piena di sole e di rocce" come cantava Federico. Attendo la prossima
Silvana Montarello*
+1 # Silvana Montarello* 29-10-2013 21:07
Davvero molto bella bravo. :-)
cristina biga
+1 # cristina biga 30-10-2013 00:33
Ben arrivato ... e vuoi già andar via? bellissima intensal'ho percepita profondamente sei molto bravo scrivi in modo elegante accattivante, anch'io attendo la prossima ... ci conto un caro saluto .... :-)
fedyeva
+1 # fedyeva 30-10-2013 12:46
E' veramente bella.. spero di leggerne un' altra tua perché sei veramente bravo, per scrivere versi così ti deve venire proprio da dentro.. Non puoi mandarla via secondo me, se c'è stata resta.. :)
tempo di poesia
# tempo di poesia 30-10-2013 16:53
Grazie...

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.