Demoni ostili - "La città dorme
Nessuno sente quel bambino
Piangere lontano ?
Le urla mi attraversano
S' aggrappano sul muro
E viscide bianche larve
S' infilano nel letto :
La lama invisibile dei ricordi squarciati..

Dov era la Madre ?
Vedo gli occhi nel buio
Silenziosa preghiera
Impotente al dolore..

La casa tace
Cammino fino al bagno
E lungo il sentiero
Incontro qualche spirito
..mi riconosce
..mi aspettava
Mi seduce sfiorandomi
E un ricordo e' gia' pelle
Sua perversa innocenza
Di piaceri concessi..

Espiera' il mio peccato
Questa pena straziante?
Giungerà mai la grazia
Che allontani quel mostro ?

Perdonando e ripulendo
Danzero' col mio fantasma
Perche' anche il Demone più ostile
Può rivelarsi docile.. "

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: fedyeva  

Questo autore ha pubblicato 24 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.