Fu quando
la ferita cominciò a splendere
che il cielo si fece stigmata blu
dentro ai miei occhi.
Ad un tratto il senso del dolore
divenne limpido
come fiala cristallina.

Fu quando
il silenzio aggredì
con il suo potere oscuro,
urlo sibillino dall'interno,
la mia bocca inerme
incapace di sillabe d'amore
che ne sentii l'urgenza.

Fu allora che il senso della morte
svelò il fiore scuro tra le sue spine.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Sabyr  

Questo autore ha pubblicato 273 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Giò
+1 # Giò 15-05-2018 12:16
Un dolore pungente ma silenzioso, questo percepisco tra i versi peni di lacrime mute.
Complimenti, rendi bene le tue emozioni. Ciao...^.^
Frida
+1 # Frida 15-05-2018 15:46
C'è un ritorno al dolore , oscuro e nero(anche sul finire) , che è mistero . La bellezza qui si sente nelle spine che fanno male. E' un dolore quasi costruito ad anello. Bella.
Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 16-05-2018 18:50
La sofferenza si sente chiaramente, forza...complim enti.
Sabyr
+1 # Sabyr 19-05-2018 15:46
Vi ringrazio...Ho immaginato questo dolore...o forse chissà l'ho rivissuto...ma intanto è lontano... :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.