... e tra i muri silenziosi
di un antico rudere
sopra i roventi sassi
a mezzogiorno

mi ritrovo solo
a tessere odissee

tra ricordi affioranti
a pelo d'acqua

disincantato e sperso
in un monocromo futuro
nell'illusoria attesa
di giorni in verticale

Sono come sabbia fine
dentro una clessidra

impazzito insetto
sotto ad un bicchiere

sono sgradito ospite
di silenzi antichi
tra pagine ingiallite 
ormai disperse al vento

e mi sento l'anima incompleta

... sull'obliquo ciglio del ricordo

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Ferruccio Frontini  

Questo autore ha pubblicato 96 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Libero
+1 # Libero 24-06-2019 10:59
L'ultimo verso è chiave di lettura.Introsp ezione dal tocco quasi montaliano. Piaciuta.
Michelina
+1 # Michelina 24-06-2019 15:51
Una riflessione condivisibile, mi piace molto.
Simone
+1 # Simone 24-06-2019 18:04
Leggo di una poesia scritta dall'anima ..i miei migliori auspici e un saluto ..
Henry Lee
+1 # Henry Lee 25-06-2019 08:30
Che arguta riflessione, di sapore antico, mi è piaciuto molto il tuo stile, completa la mia anima... Grazie. HL.
silvana1
+1 # silvana1 26-06-2019 10:47
''Mi ritrovo solo a tessere odissee'', questo verso mi piace molto. Esprime il disagio dell'anima, e il male di vivere..Piaciut a ..

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.