Trovavo bello il piccolo e l’angusto,
le capanne di canne, l’asinello,
al fonte far le donne capannello,
Ilarità e riso di gioventù febbrile
Il cercine in testa alle fanciulle
e sudata l’acqua nel barile
ch’esibivano fiere come culle.
Le case di legno e poca pietra,
i quattro muri elevati a chiesa
col campanile in fianco del fienile.
Case basse, qualche finestrino,
scuri chiusi e pochi vetri a specchio
del sole d’oro e l’occhio della luna.
Viuzze strette prive di selciato,
salite e chine, niente livellato.
Intrecciato il borgo cittadino,
ampi spiazzi adibiti ad aia.
S’udiva incudine e martello
l’odor di forgia, fumo del camino,
e riposava la notte miniata a stelle.
Tutto mi volteggia a girotondo
e svanisce il segno di quel mondo,
un ordine che lascio a malincuore.
M'inchino e torno nel progresso,
anche sapendo che si muore
già varcandone l’ingresso.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Ugo Mastrogiovanni*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 27-01-2016

Questo autore ha pubblicato 137 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

MastroPoeta
# MastroPoeta 05-08-2018 17:17
La tua maestria con la penna è pari a quella del fabbro con massello d’acciaio temprato e punzoni, complimenti.
Se gradisci ti aspetto da me in bottega (Poeta chiama mastro…mastro risponde)
Henry Lee
+1 # Henry Lee 06-08-2018 08:30
Ugo sei un vero maestro della poesia. In questi versi mi hai trasportato in un tempo di vita a cui molti fanno riferimento ora, in ricordi che vorrebbero tornassero realtà. La chiusa è meravigliosa e sottolinea la tua bravura ancora una volta. I miei complimenti. HL.
Aita Carla
# Aita Carla 06-08-2018 22:53
Posso solo dirti che ho visto tutto tutto tutto. Questo è raggiungere il massimo, per un autore e non posso fare altro che complimentarmi con te (m'intriga assai quell'acqua sudata nel barile)
Chapeau, Ugo!

Carla
Alessio
+1 # Alessio 07-08-2018 17:57
Un vero e proprio omaggio agli "altri tempi" e a tutti i ricordi che trasportano e che sono in procinto, purtroppo, di essere sbiaditi dal tempo. Concordo con Henry Lee, la chiusa è incredibilmente espressiva e potrebbe quasi comporre una poesia a sé. Complimenti

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.