E’ stato sufficiente un momento, l’istante di uno sguardo

per intuire che saresti stata la cura ad ogni mio lamento.

Che il tuo volto era già divenuto la mia ragione di vita.

Ancora avvolto come pupa già t’amavo, ora come falena

con una sola ala unicamente presi tra le braccia voliamo.

Sorvoliamo l’amore verso l’infinito di quell’affezione,

e anche se dovessimo provare tormento colui o colei

saprebbe farci provare affettuosità priva di scoramento

e duplice: verso chi si ama, in modo persino disinvolto.

E verso se stessi… pur se il mondo apparisse capovolto.

 

Ho provato a fare in modo che i miei righi

somigliassero a ciò che d’altrui leggo,

ma son tuttavia incappato in rima inclusiva.

Frasi dolcissime e pensieri d’amore, o seggo

dinanzi a citazioni romantiche o aforismi affettuosi.

Tutti modi di esprimere amore, alquanto diversi.

Se ti appoggi a un poeta te ne accorgi

perché, baciata o incatenata, inciampi nei suoi versi.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 422 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Marinella Brandinali
# Marinella Brandinali 30-09-2018 12:06
Già inciampi e ne rimani invischiato ma forse è proprio questo il bello un saluto

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.