Torneranno i germogli sui rami
 come cipria sulle gote
 e porterà il canto degli usignoli 
dove si lamenta l'ulivo .

Agli occhi 
saranno fili  di luce  a cingere 
 il bacio del giorno

 cosi  il rumore ed il silenzio  tra le mani 
 a cogliere  il crepuscolo .  


Crepuscolo  che cosparge i campi e zittisce i torrenti 
che abbellisce le strade e s'annida sui tetti 
 raduna  il cuore di un numero infinito di desideri 
 si contempla del  canto delle ginestre 
che con lieve moto  
trapelano   l'ombra  della notte 
 e  i rami si vestono di poesia .

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 733 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.