Da  zero fino alla maggiore età,
solo diritti, senza responsabilità,
papà e mamma pensano a tutto,
è loro dovere, far bello il brutto.

Ne combiniamo spesso d’ogni colore,

tanto,  noi  siamo pezzi di cuore,
i danni sono all’ordine del giorno,
dei loro guai, non c’importa un corno.

E’ nostro diritto crescere sani e bene,

facciamo solo quello che ci conviene,
mangiare, bere e tanto divertimento,
senza grazie e senza riconoscimento.

Questo però non dura per l’eternità,
finisce all’inizio della maggiore età,
e quando questo, ahimè, avviene,
si diventa crudeli, quasi come iene.

Comportamento questo, ingiustificato,
dovrebbe essere subito abbandonato,
se semini male, raccogli solo male,
il bene si comporta in modo uguale.

Bisognerebbe essere indipendenti,
guadagnare soldi per curare i denti,
non dipendere mai da altra persona,
al buio, anche la tua ombra t’abbandona.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giò For  

Questo autore ha pubblicato 55 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Alberto Berrone
+2 # Alberto Berrone 04-06-2019 23:33
belle riflessioni rimate in quartine. Le tue riflessioni mi sono piaciute. Condivido il verso quando dici chi semina raccoglie, che poi è quello che dice il Vangelo. 5* per te. Ciao e alla prossima lettura :-)
Giò For
+1 # Giò For 05-06-2019 10:32
Grazie infinite di vero cuore per aver letto e commentato anche questa volta la mia poesia, carissimo poeta ed amico Alberto!
Sono felicissimo che ti sia piaciuta e grazie anche per il tuo apprezzamento con gradomento di 5 stelle!
Chi semina bene, raccoglie solo bene e chi semina male non può che raccogliere male!
Certamente, sono parole del Vangelo, di Dio ed anche di persone sagge e di buon senso! Rientra nella logica e nello spirito umano!
In una mia poesia, c'è anche un verso che dice: non seminare ortiche, se vuoi le rose!
Le mie riflessioni di questa poesia mirano soprattutto a mettere in evidenza che i figli di oggi sono molto più esigenti dei figli di una volta!
Anche noi siamo stati figli ma, a differenza di loro, eravamo più comprensivi, più rispettosi, capivamo i sacrifici dei genitori ed eravamo loro grati per le difficoltà che per noi dovevano affrontare mentre oggi, i figli vogliono tutto e subito, anche quello che non si è in possibilità di dare e, alla fine, dicono anche che per loro non abbiamo fatto nulla!
La loro gratitudine è solo il disprezzo, le offese, le incomprensioni e l'incontentabilità!
Buona e serena giornata a te e famiglia!
Un affettuosissimo abbraccio! :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.