I tuoi occhi non vigilano più su di me:
sei stata dura come un murice che
vaga nelle profondità del mare;
amara come un asparago selvatico
raccolto tra rovi spinosi in un giorno di primavera:
quanto ti ho amata.
Ho amato i tuoi cantoni , il castello, il torrione,
le barche esposte al sole, i primi bagni di primavera.
Poi ho visto partire la mia gioventù e mi son sentito tradito.
Ti ho dato la mia innocente fanciullezza e non me l'hai
restituita, hai innalzato  contro di me barriere invalicabili.
Mi sono innamorato di altre terre,
ma più nessuno mi ha chiesto di chi sei figlio.

 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanni Ciani  

Questo autore ha pubblicato 43 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

AMALIA
+1 # AMALIA 23-12-2012 09:23
una carezza... e buon Natale
Tiziana Rosella
# Tiziana Rosella 23-12-2012 12:33
stupenda e molto sentita complimenti.
Rita Stanzione*
# Rita Stanzione* 23-12-2012 13:56
Tutto l'amore per la propria terra. Bella davvero

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.