Pioggia grigia nella  mente
i pensieri si affollano le parole son spente.
Intrappolate in un fango melmoso
lottano, stramazzano senza riposo.
Non c'è nessuno che possa liberarle
senza neanche un po' consumarle.
Come sarebbe bello emettere suoni
senza preoccuparsi delle obiezioni.
Usando il volto senza furbizia
gettando la maschera nell'immondizia:
per dire sempre ciò che si pensa
senza il fine di una ricompensa.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanni Ciani  

Questo autore ha pubblicato 43 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.