Posto per tutti

In questa società italiana

Marcia e degradata,

non ti accettano mai

per quello che sei,

specie se sei di idee

e abitudini contrarie

alle mode imperanti,

specie se sei ribelle,

sovversivo

e anticonforme alle regole;

non ti accettano mai

e vogliono dimostrare che sei

sporco,

che sei colpevole di qualcosa,

che hai del fango addosso,

o delle colpe nascoste;

questo è il sistema marcio,

in cui viviamo,

nel bene e nel male;

la massa è cieca e stupida,

e non capisce,

che c’è posto per tutti,

posto anche per le posizioni

e le idee altrui,

diverse dalle nostre

anche per chi ha principi e valori etici diversi

dai nostri;

la gente erige un muro di omertà,

di rifiuto,

di intolleranza isterica e da caccia

alle streghe,

e sa dire ,solo no.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: stefano medel  

Questo autore ha pubblicato 156 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Non era solo un'impressione
se ancora continua questa strana cantilena
nella testa, da destra e sinistra
i voli dalla finestra
ormai in overbooking senza red carpet
e sacchetti del vomito.
Per essere tragico alimento amazon
e i caporali del licenziamento
almeno trecento tutti giovani e forti,
magari più lenti,
non completamente morti ma quasi.
Sandokan nei campi a testa china
arriverà domattina a intonare
un blues di cotone, sottovoce per non disturbare
l'ape e i banchi di scuola
in duplice filare.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: cordaccia*   Sostenitore del Club Poetico dal 23-12-2018

Questo autore ha pubblicato 56 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
ssseeefff


                                                                                                                                                                                        A Marco Vannini!

                                                                                                                                                                        Ci son foschie a non diradar mai

                                                                                                                                                                      senso d'abbandono in lascivo cuor.

                                                                                                                                                                 Sogni nati, cresciuti fin divenir giganti ad

                                                                                                                                                                                      immensità di voli,

                                                                                                                                                               anima gentile e sorrisi da non poter dimenticare.

                                                                                                                                                                        Marco l'amor sussurro nel tuo cuore,

                                                                                                                                                                  pacato suono a divenir orchestra d'emozioni,

                                                                                                                                                                            amor a trattener respiri e

 
                                                                                                                                                                        da percorrer insieme a lei..sognasti!

                                                                                                                                                                            Glicini a scendere nei pergolati e

                                                                                                                                                                       vallate di lavanda dal profumo intenso,

                                                                                                                                                                       viole a tappezzar prati di margherite.

                                                                                                                                                                                          Fu primavera

                                                                                                                                                                     la tua primavera ad incantar l'estate

                                                                                                                                                                                   amore ad unir due cuori.

                                                                                                                                                                      Marco infinita sorte a fermar la corsa

                                                                                                                                                                ugola a gridar aiuto ove regnò l'indifferenza e

                                                                                                                                                                  trainar solerte su spalle il peso della morte,

                                                                                                                                                                  fragoroso boato fu la forza del proiettile

                                                                                                                                                                  da non poter schivar la sua precisione

                                                                                                                                                                    avesti solo il fiato di supplicar perdono..

                                                                                                                                                                   Perchè?  Per cosa? Non avevi fatto nulla!

                                                                                                                                                                   Figlio di tante mamme posato sulla terra a

                                                                                                                                                                        primavera non sboccerà la tua rosa,

                                                                                                                                                                      nel tuo giardino crescerà solo gramigna..

                                                                                                                                                                             Marco dall'orizzonte rincorri

                                                                                                                                                                                  il sogno di quell'amore

                                                                                                                                                                                    che hai amato tanto..

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Adele Vincenti  

Questo autore ha pubblicato 50 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Non vi ristuccherò con

parafilie ecclesiastiche.

Vi chiedo bensì tedio

per una bolla che in fondo

è cenere, di scomunica.

A monte del Castelvecchio

tra una manciata di case

e di abitanti, in ciabatte

sorseggia caffè in bicchieri

di carta, nudo della tunica,

quello che un tempo

bambino pianse a dirotto

per l’emozione il giorno

della Prima Comunione.

Resta un sacerdote che prega

per il bene della sua gente

che sale fin quassù, da un

sentiero in mezzo al bosco

che ha visto ridiscendere

prima di andare a bottega

tapini rinfrancati, e tornar

sani tossicomani e malati,

ortodossi come apostolici.

Nell’abito talare estolle il rito

per qualsivoglia congrega.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 336 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Nell’ora in cui i fornai terminano

di lavorare l’impasto, e fuori fa giorno

e dalle botteghe esce il profumo

del pane caldo appena tolto dal forno

mentre cerco di accendermi una paglia

con l’ultimo zolfanello, dentro

questa assisa che sgocciola,

vedo la piazza che si colora di camicie

leggere come le ciarle di ogni

affrancato che finalmente la popola.

Mi volto e di nero

vi è solo il viso ciancioso dell’arrotino,

e con quello la lunga notte scompare

sul far di un nuovo mattino…

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 336 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Povera Maria troppo spesso

impolverata, il padre tuo

Gioacchino svigorito mentre ancora

aveva da mungere prima della cena, 

non poteva immaginare.

E a madre Anna madida di sudore

non era dato sperare tanto,

mentre raccoglieva sorgo e avena.

Ma saranno infruttuose

le tue preghiere

per le nostre anime polverulente

di impenitenti

peccatori

quando, giunta la Pasqua,

ci rinverrai pregni di uova dal

peso di trenta denari, e colombe

imprigionate tra gli smartphone,

o in bioccoli di variegati colori.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 336 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Sarebbero forse bastate le lacrime

di quel Karol venuto da lontano

per spegnere

le vampe nell’aria infocata.

Ma credo abbia voluto

rimettere

agli uomini assistere Nostra Signora,

nella notte inginocchiata

sopra il catino absidale.

Dicono tenesse la mano sulla fronte

del pompiere in fin di vita,

genuflesso al suo capezzale.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 336 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Ho navigato

in cattive acque

per mantenere la retta via,

ma a chi sostiene di conoscermi

è bastato qualche click

per ritenermi da terapia.

Solo perché sto bene con le mani

nel sacco delle patatine sulle strade

della rete, le chiamano dipendenze.

Con l’aria viziata sull'interfaccia

nel mio motore di ricerca guardo

sfondi, mentre loro sputan sentenze.

Patologia compulsiva folciscono,

curabile con astinenza dal web.

E quoziente relazionale represso.

Nocumento nelle principali aree, le

loro: li ho sentiti parlar del conte Iad!

Ottusi, ho lo schermo antiriflesso…

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 336 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Le Signorie Loro illustrissime

tradirono, guardandola traballare,

l’aquila incespicante, sgraziata tra

quelle stesse calce spenta e pietra

trita negli affreschi andati ormai

perduti del Giotto da Bondone.

Ma l’aquila vola, e quando tornerà

a librarsi dalle transenne nell’etra,

si riverbererà

come luce

da un dipinto

che niuno ha veduta prima.

Questa volta L’Aquila non potrà

volare sola: solo con gesto unisono

di Vossignoria, un piccolo slancio

che la ricondurrebbe fin sulla cima.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 336 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Il dominio più

Difficile,

è quello di se stessi,

cos'è la pazzia

in fondo,

una sottile linea che separa

la normalità,

dal non sapersi controllare,

quando cadiamo vittima di

noi stessi,

e perdiamo i lumi,

senza stare calmi,

viene meno

il controllo

e siamo dominati,

dalle pulsioni,

dagli scatti,

dalla rabbia;

dominare se stessi

non è semplice,

specie da vecchi,

quando non abbiamo più

pazienza per il mondo;

ma a ben vedere,

nel mondo moderno,

è più facile arrabbiarsi,

che stare calmi.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: stefano medel  

Questo autore ha pubblicato 156 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Noi dell’igiene mentale,

sempre visti con sospetto,

con compatimento,

e la nostra parola,

non vale un cavolo;

non possiamo dire,

non possiamo urlare,

non possiamo fare niente;

solo subire;

altrimenti,

se facciamo i cattivi,

ci rimettiamo,

ed è sempre colpa nostra;

e dobbiamo sforzarci il doppio,

per dimostrare,

che non siamo menomati;

che siamo persone,

non cose ,

non pesi morti,

o solo stupidi;

noi dell’igiene ne mentale.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: stefano medel  

Questo autore ha pubblicato 156 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Libertà

Non è solo una parola,

non è un modo di dire,

non è un fazzoletto in tasca,

libertà

che si difende un

po’ ogni giorno,

libertà di vivere,

di pensare,

di fare,

o non fare,

di stare fermo,

di dire no;

e c’è sempre chi ti vuol fregare,

chi ti vuole limitare,

in cattiva fede,

vuole solo comandarti;

ma io non rinuncio

e non cambio,

voglio solo libertà,

adesso e sempre,

libertà

libertà.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: stefano medel  

Questo autore ha pubblicato 156 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Un pregiato versificatore

mi fece osservare

l’artifizio che si cela

nello pseudonimo

che ho scelto di portare.

La presenza di una brillante

vocale anteriore

mi farebbe divenire un maestro,

ma non son altro che un artigiano

della parola a cui sta a cuore

che le emozioni abbiano

la giusta etagère.

Chissà che avrà potuto

pensare la piccola Yara, dopo

qualche innocua serie al bilanciere,

di un’insulsa “o” aperta

divenuta chiusa dal suo scorcio

in quel mastro edile

tramutatosi

in un sudicio sgorbio…

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 336 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
La macchina dell'INcontrario
parte dalla fine e arriva al dunque in perfetto orario,
un Pierrot nei sogni di Charlot
dal finestrino del treno all'ingranaggio Bulova,
abracadabra
c'è chi presto sparirà
c'è chi presto mentirà.

Per noi che aspettiamo l'assassino
dietro l'angolo di casa
la lancetta gira sempre in ritardo,
la spia dal semifreddo preferisce il largo
a un gelato cane sciolto all'amarena,
Pantera rosa.

La strega e la sposa
stanno imparando a volare insieme
sopra i cespugli di rosa,con la falce e la scopa
abracadabra.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: cordaccia*   Sostenitore del Club Poetico dal 23-12-2018

Questo autore ha pubblicato 56 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Ho scolpito il tuo nome

nel cuore,

ti ho fissato nell’anima,

ti scrivo nel foglio,

ti penso per la

strada,

tra le vie

e i viottoli,

in mezzo alla confusione della città,

quando siedo da solo,

perduto in me stesso,

quando sono solo,

quando dormo

o son desto,

ti penso,

ti voglio,

ti cerco,

il tuo nome,

libertà,

libertà,

alla faccia

dei bastardi,

che vogliono negarti

a me,

libertà,

libertà,

in tutti i suoi

significati.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: stefano medel  

Questo autore ha pubblicato 156 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.