La cicala gioca con l'estate astuta la piccolina

sentendola frinire mi lascio cullare dal sottofondo naturale

la passione matura tra le pieghe del mio sudore

ed io l'accolgo in tutto il suo ansimare

ah se mi potesse toccare l'estate saprebbe

la dolcezza matura appetitosa che ho nel cuore

immaginando con occhi chiusi il mio tenero morire

soffocando la bruttezza in sogno

adagiando il corpo su amoroso soffice panno

e correndo, correndo lontano col pensiero

senza voltarmi

senza sapere verso cosa andare

sentendo sulla pelle l'abbraccio e il silenzio del tepore

comprendendo che è meglio non tornare

lasciando al passato poche domande da fare

rovinano, queste, sai

i desideri lasciamoli liberi

almeno quelli di poter volare.

 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Rosaria Chiariello  

Questo autore ha pubblicato 442 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.