Una sanguinosa poesia
per dire tutta la verità
finestre ci guardano
mentre la croce passa di là
siamo figli di qualcuno
forse un’altra entità
passano le dita dentro
il nostro stretto itinerario
dalla verginità alla profondità.
Una sanguinosa poesia
per raccogliere fiori
senza prato nel quartiere
dell’operaio caduto
dalla giustizia risarcito
con denari o infamità
mentre lacrime ondeggiano
nel mare senza passaporto
noi siamo come fiammelle di luce
che si spengono nel buio
dove luce di un altro delitto
tra poco illuminerà.
 

 
 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: lorenzo calandrella  

Questo autore ha pubblicato 37 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.