Viaggiare, attorniati dai minuti
io la mia città tu la tua
senza foci solo albe in cumuli
-si tornerebbe obliterando paesaggi,
tramortiti dalle valigie
 
hanno fatto più danni i controllori
(svegliandoci) di soprassalto
che non i saluti obliqui
senza un fazzoletto da lanciare
e ancora l’iride tua di nero accesa
di nero annuncia
il prossimo vuoto accanto
 
Come si fa ora, il momento
che il mio riso vorrebbe unirsi al tuo?
uscire dalla bocca uscire azzurro
unire i balzi del Mediterraneo
alle conformazioni della neve
 
Specchietti ai finestrini
mi coprono ancora dei tuoi sguardi
d’ombra e di pace, libertà inquieta
dai lineamenti che nessuno ferma

 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Rita Stanzione*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-07-2015

Questo autore ha pubblicato 590 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.