E allora dimmi chi te lo fa fare,
dimmi chiaramente con me
che ci stai a fare?

E tira fuori gli attributi
senza balbettare
senza alzare il tono della voce
perché non sai che dire.

E dire che di palle
ne sai raccontare
e sarei io che invento film
quando ti giri a guardare
Il culo di ogni tettona
che vedi passare.

E adesso basta
Il film lo giro io
e tu sei una comparsa
perso tra i titoli di coda,
dopo la parrucchiera.

Appena prima dell'ultima parola
la prima della mia vita nuova
Il film lo giro io
E adesso FINE.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Marina Lolli  

Questo autore ha pubblicato 85 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Di vento si veste il tramonto
e l’ultima matassa di nuvole
si dipana a favore del sole.

Mentre il sipario s’apre sul mare
dalla riva tutta mi appare la scena
e sento il rumore della quiete,
tanta quiete, troppa quiete…

Persino l’onda smorza il fragore,
la risacca ora non respira.

È, la mia, solitudo inopportuna
che, perfida, sghignazza e poi mi assale.
Ma son talmente ricco di bellezza,
talmente straripante d’emozione
che chiedo ad un pagur condivisione.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aurelio Zucchi  

Questo autore ha pubblicato 84 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Il silenzio urla il tuo nome.
Pensieri confusi di cose non dette e non fatte.
La vita sognata che sembra reale
fino al giorno di gloria della verità.
Restano lacrime per ciò che non era.
E tristi rimpianti di quel che non sarà.
Il silenzio urla il tuo nome.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Miss Prim  

Questo autore ha pubblicato 3 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Scialba
su braccia di rose
l'atmosfera compatta
già tremori
sudati
orchestati dal cuore
quella brezza sottile
d'amarene il colore
i pori a scintille
i battiti a mille
il respiro
attorcigliato
nella bocca asciugata
l'aria nemica
ansima d'affanno
allo sfogliare le stagioni
la velocità di quest'anno

Giovane
di forze avverse
ritrovata con sorriso di piacere

nelle cose ormai perse
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Valerio Foglia*   Sostenitore del Club Poetico dal 15-06-2014

Questo autore ha pubblicato 259 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Purpuree stelle
abissi di cielo
velate sono le lacrime bianche.
Annuisci portando le mani sul viso
è morto il sorriso,
sulla pelle di sole.
Colpisci al cuore colpo di cannone.
Così sono svanite le speranze ribelli.
Sulla piazza di Torquada scorrono persone,
tra loro c'è rimasto il tuo amore,
le luci dei lampioni ti accecano,
cammini senza nessuno per mano.
Angelo perso tra i suoni,
della celeste onniscienza 
scomparso ogni giudizio e muta
rimane la tua bocca.
Brillano le luci sul selciato
e tutto è sfumato...
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Marinella Brandinali  

Questo autore ha pubblicato 376 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Dopo il gelo
dell'estate
ritornano a frustrate
le ali delle fate
sciolgono
remi di cioccolata nel caffè
dopo la serenata
abbuffoni di dolci
angeli privati
diavoli scacciati
nella notte rischiarata

La luna
dalla pancia piena
fa volare la falena
un filo di cielo
riavvolge il vento

passata la calma

lascia posto
allo splender

al fiato grosso
d'emozione

non da inseguimento
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Valerio Foglia*   Sostenitore del Club Poetico dal 15-06-2014

Questo autore ha pubblicato 259 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.


L’amore è come l’onda del mare

ti culla ti stupisce e ti sa trasportare.


Amore grande come il mare.


E’ come l’onda  con la luna riflessa 

la luce nei suoi frammenti

amplifica i tuoi sentimenti.


Amore dolce come l’onda.


L’amore è come l’ onda del mare in tempesta

non ascolta il tuo grido disperato

in breve  il tuo sogno è  inabissato.


Amore non ci pensare

con te voglio ballare

una  sera in riva al mare.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Barbara  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Distese senza tempo e senza inganno
(mi piace immaginarle prati d'erba azzurra)
che sequestrano questi occhi a lungo
per intimare lor di non curarsi
del buio che presto spegnerà il tramonto.

Fissando l'orizzonte mi confondo,
irritato ché la sua retta va sbiadendo.
Ma respiro, con energia respiro,
al pensiero che la notte non sarà capace
di smorzare i colori consegnatimi dal mare.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Aurelio Zucchi  

Questo autore ha pubblicato 84 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Il silenzio nasconde solo a chi non conosce.
Tu sai tu c'eri tu senti.
Trema la terra,
piovono sogni dal cielo e non volano più.
Ti guarda in faccia il futuro
Ti urla "ora mi vedi?"
Ho capito, ora ho visto.
Poi ti giri e c'è ieri...

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: a_domani  

Questo autore ha pubblicato 54 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
L'immagine può contenere: nuvola, cielo, testo, natura e spazio all'aperto
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Silvana Montarello*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2013

Questo autore ha pubblicato 670 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Bambole di porcellana
mi sembrano gli occhi
dove fragili si rompono riflessi.
E una parola in più sarebbe lama.
Io che colgo le lacrime sul nascere,
quelle piccole lagune segrete,
riconosco il dolore appena si forma.
Bisogna essere petali
dove la spina ha infierito.
E dove un segno abita già la pelle,
saper passarvi sopra solo come carezza.
Delicatamente.
Forse a questo servono i poeti.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Sabyr  

Questo autore ha pubblicato 248 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Non appena varco l’uscio

gli indumenti divengono armatura,

e le chiavi dell’utilitaria d’improvviso elsa.

Di fronte ai suoi occhi guaritori, come dinanzi

al drago, il cuore si gonfia ma non prova paura.

Al cospetto di quei riccioli neri

che lambiscono l’incarnato olivastro,

sento l’ardore che provai contro il gigante.

Ma potrei arrendermi ai suoi lobi,

o alle vesti cenere dal profumo salmastro.

Oh Isotta, che mi sorridi dietro il piercing

e ti riveli sotto mentite spoglie…

Non vergognarti di ostentare il tatoo

all’ombelico “I soliti due pacchi di Chesterfield?”

Salgo in auto, e faccio ritorno da mia moglie.  

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 224 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Non mi riconosco

una cipolla.

Ogni giorno togli uno strato.

Non mi conosco.

Ogni giorno sono una scoperta.

Mi sento una matrioska.

Bambole dentro di me.

Ma quante ce ne sono.

Sono quella allegra.

Sono quella triste.

Sono quella arrabbiata.

Sì, molto arrabbiata con me stessa.

Non so volare.

Non so aprire le mie ali.

Allora ritorno dentro la mia scatola di cartone.

E poi.

Arrivi tu.

Una parola che mi spiazza.

E via un altro strato.

Ma quanti ancora con amore e pazienza.

Non sono facile.

Mi dispiace.

Non sono facile neanche per me.

Devo ancora guardarmi dentro lo specchio dell’anima.

Non mi conosco.

Tu sì.

Riconosci perfino i colori della mia voce.

Quando credo di nasconderli bene.

Ma tu no.

Tu li vedi tutti.

Sono nuda davanti a te.

Non lo sono stata mai.

Ho sempe portato bene le mie maschere.

Con te non ci riesco.

Sei troppo uguale a me.

Mi scopri sempre più.

Veli su veli.

Ho tentato di coprirmi bene.

Ma tu no.

Testardo.

Continui.

E non molli mai.

Nonostante me.

 

 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Maria Cristina Manfrè  

Questo autore ha pubblicato 19 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
La vita è preziosa
non ci pensiamo, 
esci di casa
e più non ritorni.
Fai un saluto e te ne` vai
il "mi raccomando"
la sua risposta, 
ti accompagna dovunque vai.
A sirene spiegate
verso una meta arriverai, 
chiedo aiuto a chi da lassù
proteggermi saprà.
Sei in una bolla, 
senti la vita defluire da te, 
i volti amati
si chiedon perché.
Angeli bianchi
ti prendon per mano, 
le carezze senti leggere
le parole arrivano al cuore.
Affidi la tua vita
agli angeli bianchi,
sei al sicuro
nelle loro mani.
Passano i giorni
ci rifletti su 
sono quei momenti
in cui capisci chi c'è.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Liviana Poletti  

Questo autore ha pubblicato 24 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

 A condurmi attraverso il sale

un colore di porpora  s'accascia


in piedi posso attraversarmi

sbiadirmi in un concetto

vincermi nel suono di un giorno dispari


ma l'ibiscus ancora non si deforma

e chiede in sogno che una parola lo salvi

dal rosso dell'ultima fioritura

per non dolersi  dell'illusione salmastra.




1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Antonia Vono  

Questo autore ha pubblicato 259 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.