Immense le stelle

Nella notte a  puntini

Ricami spaziali

Disegni immaginari

Cadono di brividi

Gli sguardi veloci

Fino alla madre

Del globale sereno

La luna

Il suo davanzale

L’aspetto magistrale

Dove s’involano le speranze

Arrivano desideri

Puntano occhiali

Al cambiar di mesi

Dove s’impara a navigare

Dove i labirinti son deserti

Gli spazi sono aperti

I pensieri s’innalzano esperti

Lasciami guardare

 Solo qui ti posso trovare 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Valerio Foglia*   Sostenitore del Club Poetico dal 15-06-2014

Questo autore ha pubblicato 267 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Adoro guidare la mia duetto rossa

lungo la panoramica, tutta a curve,

quasi sempre deserta ad eccezione

del weekend dove nelle ore diurne

la strada è battuta da ciclisti che

amano le sue dolci curve a cubito.

Qualche tornante più su e mi trovo

in un piazzale ancor per poco tacito

lastricato di sampietrini, a breve

animato da ristorantini affacciati

sul celeste pallido del mare; ma val

la pena di salir tra campi seminati

di gomito in gomito ignorando le

lancette dell’orologio, limitandomi

a contemplare le spiagge dall’alto.

Rimanendo sulla strada, godendomi

la frescura della mezza collina tra

pini marittimi che si stagliano, tigli

profumati e le ultime ginestre fiorite,

supero campi gialli di grano e sbadigli

giungendo a una terrazza naturale che

permette d’estender la vista al litorale.

Più in basso, non lontano, si intravede

un cottage: vengo qui con un giornale

dal ’75, ogni terzo sabato del mese.

La signora col vestito a fiori incrocia

il mio sguardo e si tocca il cappello.

Sorrido, e in quel gesto solo lascia

trasparire tutta l’educazione

che ci siamo persi in questi anni.

Mi piaceva l’aria tra i capelli, ora

sosto a guardare il vento tra i panni.

Non si portano più cappelli e il vento

fa incontrare occasionalmente sempre

meno persone, ma resta bella la strada.

Lei rientra, e i fiori diventano ombre.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 313 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Sentire
un passar di flusso
la pioggia copiosa
grave nel suo gravare
gli stimoli di un sapore
il viaggiare senza fronzoli
il rifrangere nel cuore
sospingere il passo
nell'impatto etereo
fra l'essere
il suo pensare d'essere

Sentire
un tremar di muscoli
il caldo denso
umido d'umidità
il pungere d'odore
il ricordare senza impallidire
il rivoltare nel cuore
tener ferme le mani
allontanare il timore
dell'oggi

non pensare a domani
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Valerio Foglia*   Sostenitore del Club Poetico dal 15-06-2014

Questo autore ha pubblicato 267 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Variopinti sguardi avevano 
quegli alberi, colmati dal vento 
con lunari sospiri

Al calar dei lupi, 
al festar della luna, 
lei respirava il colore delle foglie
per dare ossigeno ai suoi sogni.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Alessio  

Questo autore ha pubblicato 14 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Le tue altezze boreali,

le tue distese siderali,

tutto qui e tutto ancora che deve avvenire.

Sei l’azzurro che incanta ogni anima,

sei l’azzurro verso cui il verde protende,

quel punto lontano che vibra allo spirito

come dirompente scintilla di luce.

Dammi la tua vastità e ne farò la mia casa,

portami l’infinito come se fosse possibile,

dilagami ovunque, come una stanza senza pareti,

dilagami ovunque, ché gli occhi oramai sono già pieni.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: FlorYana  

Questo autore ha pubblicato 13 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.



Tempo  smarrito con pensieri di onnipotenza

attimo  abbandonato con sentimenti  d’odio

 

Voglio circostanze per guardare con gli occhi del cielo

infinito sarà lo sguardo verso l’altra parte di me

 

Tempo sciupato  ad aprire ferite

forse non ci sarà  possibilità di rimedi

 

Voglio solo  momenti  per farmi cullare dal mare

e se la notte mi abbraccerà conterò le stelle

 

Vita  non farti più usare per rabbia e dolore

tienimi in un sorriso di bimbo

fatti consumare al riparo di un fiore

 

Il tempo smarrito è per sempre.

 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Barbara  

Questo autore ha pubblicato 106 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Soggiace l'aurora sotto le nuvole azzurrine,
e del tempo del mondo ne è piena.
Si veste a festa, con manto rosato
e il cuore ne rimane invischiato,
soltanto il canto dei passeri
chiude questa alba nuova,
e il giorno addormentato 
si appresta ad arrivare, godendo
del connubio del cielo.
Caravelle sospese, i pensieri
si aprono sotto le vele,
e resti con il respiro tra le mani in attesa.
La vita continua sopra i voli,
e dischiude nuovi nati
con gli occhi avidi di sapere.
Non distogliere lo sguardo,
assorbi il colore, vestiti,
ora il sole prenderà il sopravvento,
nuovo nutrimento.
Sarà ispirazione...
Rosa è il cielo.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Marinella Brandinali  

Questo autore ha pubblicato 398 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questa notte
arrivata con il freddo inverno.
Uno spiffero di luce,
un vento tiepido,
ci avvolge.
Il volto svela la bellezza
del ricordo.
Una carezza, un abbraccio
per scaldare il sogno
di leggero di questa notte.
Sentire i pensieri,
regalare un gesto di serenità.
Dimenticare il cammino…
Le stelle ci guidano.
La luna alta nell'immensità
di questa notte
da ammirare.
L'immagine può contenere: notte e cielo
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Silvana Montarello*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2013

Questo autore ha pubblicato 692 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Il mio cammino
mi tiene desto
camuffa per me

le rive
i bordi
si volta al respiro altrui
incendia la strada
scaldando la pioggia
Al muro m'induce
allo sguardo attento
a quel che passa
a quel che cambia
Il mio cammino
aspetta il mio mezzo
rimasto lento
dal bastone bianco
quasi cieco
sa che la meta
rimarrà improbabile
di fumo imprevista
di passi instabile
Lui aspetta
paziente
sussurra direzioni
nei suo balzelli
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Valerio Foglia*   Sostenitore del Club Poetico dal 15-06-2014

Questo autore ha pubblicato 267 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Qualcuno mi disse che siamo libri

ognuno di noi ha una storia da raccontare.

Amo le librerie dove il profumo dell'inchiostro aleggia e mi porta al luogo d'origine della bella storia che andrò a gustare.


Bella perché ogni libro che mi ha attirato aveva qualcosa di speciale da dirmi.


Ogni volta è un regalo, quelle lettere sparse che mi invitano a continuare sul mio percorso.

Ma sono un libro anch'io!

Allora cosa aspetti?


Non lasciarmi tra la polvere del tempo


accoglimi tra le tue mani, sfogliami con cura senza lasciare nessuna piega


conserva la cura e l'attenzione che si dedica a una cosa rara e preziosa.


Sono qui e aspetto solo di essere vista da te


ti racconterò del nostro passato


ti narrerò la nostra storia


ti saprò deliziare con novelle erotiche.


Ma se mi lasci in quel polveroso scaffale tutto questo non lo saprai mai

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Maria Cristina Manfrè  

Questo autore ha pubblicato 20 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Profumo di tigli nell'aria,
così forte da inebriare la mente,
si faceva spazio nell'imminente estate,
di verde intenso vestita.
Corse su biciclette sgangherate,
accompagnavano le giornate assolate,
e quell'aria di bambine cresciute
già disegnava ciò che il futuro avrebbe regalato.
Calze corte e sandali rossi, gonne a pieghe,
e nel vento i capelli fan le bizze,
sopra guance rosse e occhi ingenui.
Come bello era crescere nel sole,
tra risate argentine e leggere.
Come era bello essere adolescenti bambine,
sognando stelle di diamanti e fresche granite.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Marinella Brandinali  

Questo autore ha pubblicato 398 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.


C’è qualcosa di romantico anche in una rosa che perde il suo colore,

che lentamente muore,

che tra gli stenti

abbandona come stracci 

i suoi petali impotenti. 

Non c’è teca di vetro che regga 

questa volta,

ma non si scorderà

il candore della prima, 

ancora non sapeva che forma avrebbe preso il bocciolo,

il suo primo foro sentiva il mare

come dentro a una conchiglia,

se solo avesse fermato l’onda del tripudio alla conquista del sole,

se solo avesse conosciuto la sua fine su quel triste pavimento,

ascoltato il suo lamento al tormento della pioggia. 


Quel canto dolce non lo scordo,

ma mai coglierò più una rosa.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Lehel  

Questo autore ha pubblicato 19 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

 Il vecchio porto

fatto di casette conosciute
colorato anche di me
sarà difficile lasciarlo
abbandonando la compagnia
di barche sempre vicine


salirà il profumo
di quanto è stato
sostentamento per questi anni
quasi a bussare
ed anche ricordare
gli anni spesi insieme

dalla nuova acqua
cercherò ancora un  bacio
una semplice carezza
di quel mondo
che sembrava finito

navigherò verso il lontano
chiudendo a volte gli occhi
per inspirare e respirare
il nuovo vento
che stropiccia lo sguardo

seguendo le stelle
disegnando nuove rotte
che dalla mente
portano diritte
fino al cuore

e non sarò solo
voi compagni di viaggio
alzerete vele colorate
per raggiungere
il giusto vento

sarà dolce navigare
accarezzando nuovi sorrisi della luna
cavalcando onde amiche
senza aver paura del profondo
verso il nuovo.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giuseppe Casazza  

Questo autore ha pubblicato 418 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Tienimi la mano...

Quando invecchierò,
guardami con la stessa emozione
di quando vedi il sole tramontare.
Fermati ad ammirare incantato
i miei rossi,
i miei arancioni,
i miei gialli
che si mescolano con l'azzurro
del cielo.
Quando il sole va a dormire
cercami nel buio della notte.
Accendi una luce
e amami anche all'imbrunire.
Se ho freddo coprimi di abbracci,
se tremo coprimi di baci.
Dimmi che mi ami:
mi piace sentirtelo dire.
Dimmelo con gli occhi,
dimmelo con il cuore.
Stringimi fino a farmi male,
affinché possa sentirti.
Se mi allontano avvicinati,
se non ci sono cercami.
Quando il sole va a dormire,
mentre il giorno saluta il mare
colorandolo di festosi colori...
guardami con la stessa emozione
di quando vedi il sole tramontare...
...se vedi che ho paura...
tienimi la mano...
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 112 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
E allora dimmi chi te lo fa fare,
dimmi chiaramente con me
che ci stai a fare?

E tira fuori gli attributi
senza balbettare
senza alzare il tono della voce
perché non sai che dire.

E dire che di palle
ne sai raccontare
e sarei io che invento film
quando ti giri a guardare
Il culo di ogni tettona
che vedi passare.

E adesso basta
Il film lo giro io
e tu sei una comparsa
perso tra i titoli di coda,
dopo la parrucchiera.

Appena prima dell'ultima parola
la prima della mia vita nuova
Il film lo giro io
E adesso FINE.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Marina Lolli  

Questo autore ha pubblicato 89 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.