Che ne pensi di un idea in più
-di uno spartito d’emozioni
che abbia note per due
- una rosa 
e una candela accesa?
  Di un sole soprannaturale dentro gli occhi
che rimescoli le impurità- e che ne dici
 di una commozione crescente
del disordine della fantasia
fino al vizio
-di un desiderarsi fino al supplizio.
Del bisogno erotico
che ti cambia persino il timbro della voce
quando diviene sentimento alto - come la croce.
Che ne dici
di non arrestarsi davanti a nessun ricordo
e combinare una scena straordinaria;
riprovare perdute sensazioni di
quella volta –unica- come la vita.
Che ne dici
del godimento del guardarsi
-delle mani pronte a toccarsi
per sempre, per sempre…
...anche nel lungo silenzio del poi,
  nell’assenza che per sempre dura.
  Perché non darsi questa tortura?





1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Hera  

Questo autore ha pubblicato 410 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.