Ti bramo ancora nell'illusione

di un corpo profanato e

e un'anima senza scudi.

Ti cerco nei vecchi oblii

di pensieri privi di parole,

che fanno bene ai sensi.

Ti rivedo in quelle lacrime,

che bagnavano un tramonto,

che si tuffava in un fiume

affollato e ancora inagibile.

Ti rifiuto col mio cuore,

allontanandoti dai brividi

che lo scorticano a sangue.

E poi ti penso... ti penso

fino a farti ritornare a vagare

nella memoria, a cui piace

giocare coi ricordi infami.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 65 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Vincenzo Patierno
+2 # Vincenzo Patierno 13-08-2019 15:37
piaciuto il descrivere dovuto e quasi non voluto, ciao
Clorinda Borriello
# Clorinda Borriello 10-09-2019 11:41
Il cercare di dimenticare è sempre una cosa non voluta ma dovuta,purtroppo.
Ciao Vincenzo, siamo amici su fb, giusto?

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.