Una carezza,
un artiglio,
strangolato
sulla carrozzina
da neonato,
ho la malizia
del primogenito...

Sei tu,
poligono imperfetto,
dinamico cilindro
di sensazioni cubiche...

Io ti afferro,
tu mi atterri,
con quelle ciglia
che solo allo sfioro
mi scaraventano
sul divano,
narcotizzato
dalla tua estasi...

E tu
sei come fossile,
appari descinta,
ad aspettare
un giubbotto
nella cava 
di piume:
sono io,
il portatore
di un celebre dono,
è soltanto
la pelliccia dei sensi...

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Diego Crozzolin  

Questo autore ha pubblicato 68 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

nabrunindu
+1 # nabrunindu 01-06-2013 17:49
apprezzata!
Paola Pittalis
+1 # Paola Pittalis 01-06-2013 22:47
bravissimo Diego+++

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.