Così mi prese la smania
di scorrere atti e mancanze
un boulevard
riassemblando il continuum
o solamente il caso
 
Cercare la fine della strada
tra lotti di giardini, ora freschezza
e templi costruiti oscuri
ora deserti
 
Passi anaerobici
circostanze senza cornice
dove di giorno gabbie portano le ombre (dove...)
ogni animale -noi, infine-
vuotamente innescato nel suo vivere vizioso
 
Ho strana memoria di gioie
in assenza di sole
quando eri accanto
nelle giostre claustrofobiche
della città iperurbana
quando portavi valigie
dicendo -ho fatto il pieno d'aria,
è singolare, la fortuna

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Rita Stanzione*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-07-2015

Questo autore ha pubblicato 663 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

nabrunindu
+1 # nabrunindu 23-07-2013 11:06
5 stelle senza pensarci su troppo, perchè è troppo bella, complimenti rita, sempre brava. ;-)
Rita Stanzione*
# Rita Stanzione* 23-07-2013 11:47
Grazie, Nanni
Brigida Liparoti
+1 # Brigida Liparoti 24-07-2013 16:21
Ti leggo sempre con molto piacere, sei una palestra per la poesia!
Grazie
Rita Stanzione*
# Rita Stanzione* 26-07-2013 17:19
grazie Brigida :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.