Ascoltavo i suoni che in una notte come questa cambiano melodia nel candore che attutisce i passi sul poggiolo, mentre vedevo il tuo dolore allungarsi come una foglia bagnata. Calpestata. E farsi sottile. Quasi piccino. Come il fiocco di neve che stavo per accompagnare con la mano nel fiato caldo di un respiro.
Appena avrò terminato di masticare tabacco e di soffiare nello studiolo il freddo dal poggiolo, non appena smetterai di sentirti un libro dal quale si cancellano le parole e resta solo l’odore di vecchia carta ingiallita che ti riempie i polmoni, partiremo. Prendimi il braccio, e cerca di sopportare il peso delle tue nuvole. E scrivi, assecondando quel debole per le parole. Consegna alle pagine di quel libro i tuoi segreti, nella sua filigrana scorre il tuo stesso sangue. 
In un turbine di minuti cristalli danzeremo con gli abiti irrorati di gocce, e da una soffice nebula ci ritroveremo nell’angolo rischiarato di quella parte del giorno che non ti appare più famigliare. Io resterò come un vocabolo immobile sulla carta, tra l’inchiostro.
E al mio risveglio, sulla sedia davanti alla finestra aperta starnutirò per un fiocco di neve che mi solletica il naso e indiscreto si infila nel tiretto che odora di soffitta. Come quel sogno che da tutta la vita porto con me a sinistra sotto la giacca. Mi guardi dal bianco e nero di una fotografia che dovrebbe stare nel cassetto di qualcun altro, tu…
Tu che sei il brillio fermo di una lampara nell’inconsapevolezza della nebbia.

-una di quelle vecchie foto... che la trovi e ricordi, e pensi sia “la luce che è venuta fuori

 da una  tenebra caduta” (Alda Merini)

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 439 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
- Forse non te ne accorgi, ma è la parte migliore di te che ti sta mangiando. A poco a poco, come una larva che crea gallerie in una foglia per vedere la luce; ma, quando la luce la vede, ci sono due opzioni: o non è pronta per diventare pupa mettendo in gioco la brodaglia di cui è composta, o le risorse sono finite. E comunque non è pronta...

- Facciamo un brindisi...

- Quell'alcool lo fa un lievito, mi segui? Ora, al lievito l'alcool fa palesemente schifo, lo riversa fuori dalla sua parete. Ma produrlo è l'unico modo che ha per ricavare un un minimo (e ripeto: un minimo) di energia quando gli manca l'ossigeno. È la stessa cosa che fai tu: cercare di sopravvivere quando quel granello di sabbia del mondo in cui vivi ti volta le spalle.

- Ma noi siamo filosofi, non ci manca niente e ci manca tutto. Possiamo passare al flusso di coscienza libera?

- Potremmo, ma in due non facciamo Joyce. Anzi, forse neanche Joyce è mai stato Joyce sul serio; o meglio, lo è stato ironicamente, mai per caso, ma mai sul serio.

- Vuoi dirmi che non potrò mai essere ciò che sono?

- No. O forse sì. Dipende da te. Scherzo, non dipende assolutamente da te. Dipende dal caso, tutto ciò che so è che dipende dal mondo in cui riderai a questo scherzo crudele.

- Insomma, sto mangiando la.mia parte migliore ma ho lo stomaco chiuso. Come te la spieghi?

- A volte si mangia per nausea, a volte si vomita per gola.

- E quindi qual è la soluzione?

- Eri bravo in matematica?

- Assolutamente no.

- Ecco, allora andrà tutto bene.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Nicola Matteucci  

Questo autore ha pubblicato 361 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Era giunta attraverso le porte aperte, cercava la sua menzogna, il castigo che attendeva senza demeriti perché sapeva quanto fosse irrinunciabile quella occasione. Lasciò uno spiraglio alle spalle per la via di fuga, ma rimase costretta in quel piccolo spazio a causa della perfidia nascosta nella borzetta di plastica nera.
Rideva e si vantava del tradimento a danno dell'amante, quel torello credulone, e piazzava le sue trappole per catturare e stordire i suoi adulatori.
Ad un tratto si ritrovò con le spalle al muro, senza le armi che avevano perso il filo della lama, ma fu lesta a cancellarsi sopportando fremente i colpi della frusta sulle spalle ingobbite. La rincorrevano le risate e le parole a lei sì care che la rendevano abile nel turpiloquio e nella calunnia.
Attraverso le porte aperte, la megera sfuggì a fatica al linciaggio dei Protettori della morale che la esiliarono nel paese dei meschini e delle donne perse.
E tutti risero con la saliva tra i denti...

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 61 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Se ci sono attimi che durano solo brevi istanti e altri così intensi che durano una vita; è solo perché abbiamo saputo cogliere il famoso attimo(carpe diem) al momento giusto. È proprio così? In fondo è pur vero che la nostra vita è costellata di frammenti di oggi che si uniscono a pezzi di ieri. Il futuro è sempre impregnato di passato e quel che siamo oggi è la conseguenza delle scelte che abbiamo fatto ieri. Ma cosa ci induce a scegliere una strada anzichè un'altra? Non ci è dato sapere. Tuttavia, soventemente, le scelte fatte, quasi mai sono scelte volute e ponderate. Non sempre si ha il tempo e la possibilità di scegliere: è difficile quando il selezionato sei sempre tu! Scegliere vuol dire avere più opzioni: ma spesso le strade sono a senso unico. Prendi ad esempio il padre di famiglia che per sbarcare il lunario è costretto a fare più lavori e poi improvvisamente a causa dell'eccessivo stress si ammala. Chi avrebbe il coraggio di condannarlo! Eppure c'è sempre qualcuno che dice che se l'è andata a cercare e che se avesse lavorato meno, forse non gli sarebbe accaduto nulla. Banale e sbrigativa conclusione. Non manca mai purtroppo, il solito "saputone" strafottente, che per convenienza e lavandosene le mani, sputa sentenze a destra e a manca. Mi viene in mente intanto, il pulcino che rompe il guscio e un pezzo dello stesso gli rimane attaccato alla testa e gli fa da ombrello. È una gran bella fortuna avere sempre pronto un parasole, un parafulmine che si materializza alla bisogna. Avere un pezzo di guscio protettore sulla testa ('e sante mparaviso: i santi in paradiso), è purtroppo un privilegio di cui gode solo chi è fortunato. Purtroppo c'è chi al contrario, anziché un bel guscio, ha sulla testa un grosso macigno, un fardello, o peggio, una spada di Damocle che è costretto suo malgrado a portare sul capo a vita. A Napoli c'è un detto in che fa riferimento alla iella che perseguita chi prova a dirottare le contrarietà in altri lidi, ma alla fine...quasi mai ci riesce: "facesse na culata e ascesse 'o sole! (ogni volta che faccio il bucato piove.) Emblematica ed esaustiva spiegazione popolare; in cui si riscontra la rassegnata vena ironica di chi pensa che perfino il sole sia solo per pochi fortunati. Scambiarsi empaticamente i gusci non è da tutti: chi vuoi che si prenda la briga di barattare un carico leggero con uno pesante! Chi dalla vita ha ricevuto in dote un peso leggero e maneggevole, perché mai dovrebbe prendersi la briga di tirare l'altrui carretta! In fondo i problemi degli altri non sono problemi nostri...dicono alcuni. Molti per pulirsi la coscienza accusano qualche povero Cristo di essersela andata a cercare. Il peggio del peggio è quando sono proprio i peggiori a giudicarti. Perché purtroppo è quasi sempre così: il coltello dalla parte del manico solitamente ce l'ha sempre chi non sa dividere il pane. La condivisione dei beni materiali ha un enorme valore: importante quanto quella dei beni spirituali. Imparare a donare ai meno fortunati è un po' come regalare un pezzettino di guscio buono a chi ne ha uno piuttosto malconcio. Questo è ciò che si predica, ma in realtà, sempre più spesso, la carità cristiana si riduce a quel frettoloso scambio di mani che si sfiorano durante la funzione domenicale: il classico buonismo del giorno di festa. L'abito della festa (il vestito buono per alcuni)è il classico abito di scena: quello che si indossa quando si deve apparire. In fondo ciò che conta è fare bella figura: appunto solo figure; ovvero anime di carta e la carta si sa... deperisce con le lacrime. Non importa se sotto il vestito hai un cuore ricoperto di cenci: ciò che conta è l'aspetto esteriore. E così (per la gioia di chi pensa solo ed unicamente al proprio tornaconto) fino a quando nessuno sarà disposto a barattare un po' di guscio buono con un pezzettino di guscio malandato...a pagarne le disastrose conseguenze...sarà sempre il solito Calimero.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 135 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
L'estrinsecazione ortobotanica del fagiolo
cornuto di Tasmania, compenetra una sorta di discinesia omofobica pressapochistica nella sequenza paradontale della mascella del cervo a primavera in calore delle Alpi Cozie.. oh cacchio !
Le conseguenze si ripercuotono così inevitabilmente nell'accelerazione forzosa dell'ovulazione gametica del cromosoma x del pitone maschio di Patagonia che, com'è noto, non è solo un serpente ma un pensiero frequente che ci invade la mente.
La qualcosa genera dunque un parallelismo perfetto con l'impollinazione stagionale dei fiori primaverili del Sud Tirolo da parte dell'ape Maya che qui viene a soggiornare in un arnia a 5 stelle
dotata di una esclusiva sala massaggi alla pappa reale, allietata inoltre da un coro di caprette che le fanno, ciao.
In conclusione, gli equilibri ecologici improntati
ai sani principi base del WWF, ben si
compenetrano con la strenua difesa dell'habitat della foca monaca di clausura destinata al delfinario di Rimini e ai parchi acquatici di tutta l'Italia... era ora, finalmente !!
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Ferruccio Frontini  

Questo autore ha pubblicato 114 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Posso finalmente scavare tra i calcinacci e le speranze. Da qualche giorno si sono spenti i roghi, insieme al rumore dei bombardamenti. A dire il vero sono fortunato… ho sempre e solo sentito gli schianti, vicini ma non troppo. E sono fortunato ad avere ancora in buono stato la carcassa di un’auto proprio dietro al forno. Quello è restato in piedi. Ma sempre da qualche giorno anche il pane vecchio scarseggia. Così ho ridotto i pasti al desinare verso il calar del sole, e grazie al cielo è rimasto un pantano dove prima c’era il pozzo. La sera avvolgo le mani nelle foglie di frumentone, che al granturco non servon più. E la sera scrivo. Mi è rimasta pure una matita nel taschino, anche se fra un po’ non potrò più far la punta. Per non scordare chi sono, o dimenticare chi amo. Qui non c’è nessuno da parecchio tempo, e non so più se siano passati ventisette giorni o anni. 
Poi sono fortunato perché mi è riuscito di salvare un tesoro… la notte apro piano il cassetto che ha una molla rotta del cruscotto e prendo la fotografia di mia moglie e i miei figli un’estate al mare, facendo attenzione a non rovinarla. E ogni notte li guardo.
Quando sono fortunato chiudo gli occhi qualche ora, ma mi sveglia quasi sempre il rumore degli ultimi calcinacci che ancora cadono. Alle prime luci mi rimetto a scavare… tra quelli, e le poche speranze che ancora non cadono.
Forse ho detto tante volte e troppe che son stato fortunato, ma un’altra parola non la trovo per quella mattina… credo fosse primavera quando dalle rovine dietro il muretto a secco ho sentito un ragazzino -Papà, buon compleanno papà mio…-, e qualche passo avanti a lui quasi due uomini con la forza ancora di piangere. E lei. Il passo lento e stanco, ma sempre così bella anche col viso sporco tra i capelli ingrigiti. E anche se il sole tiepido mi accecava quasi gli occhi potevo scorgere con loro un’altra persona, forse una donna… Me li aveva riportati.

“Me li avevi riportati. Ricordi!?”.  <Ricordo. Avevo sentito alla radio che la guerra da te era stata più devastante che altrove. E un mattino ero partita con un mezzo di fortuna… una specie di corriera>. Da allora ogni giorno verso il calar del sole prendiamo il tè nella veranda del piccolo bungalow che mi sono potuto permettere, e riusciamo ancora a ridere davanti alla fotografia che la vita ci ha permesso di fare: io con mia moglie e i miei figli e tu, l’amica che mi ha aiutato a non scordare chi sono, o dimenticare chi amo.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 439 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Una lacrima da un ciglio di donna scivolò su un ritaglio di luna. Penzolava, e dondolava in un lembo di cielo finchè cadde. La cullò la manovella di un carillon, e solo quando non più piccina… se ne prese cura un tempo di 3/4 sul pentagramma. Qualcuno dice somigliasse a Venere, qualcun altro giura non sapesse di piangere. E la chiama mamma.  
Fuorchè una sincera lietezza per l’emozione lasciata nel cuore, sento che altro ahimè ballerina non sia riuscita a trasmettere. “Excusez-moi”. Un amico giorni fa leggendo questa poesia mi disse soltanto: Mi sembra di cogliere un dramma. Comunque “merci... rien ne va plus”.
Elegante come la prima stella della sera, in bilico sui suoi passi nobili e lenti danzava in un valzer con la sua bambina tra le braccia in un tenue bagliore che sfiorando la coda del pianoforte la invitava a seguirla tra le nuvole di una luna mezza falcata. Adagiata nella culla, la bimba la guardava dormire. Da quel giorno continuò a dormire, e ballerina continuò a provare quei passi… duri, troppo grandi. Come i visi tirati accanto a lei di chi da quel giorno è stato sempre troppo lontano. Troppo altrove. Quei passi stanchi sul far di ogni sera. Diciotto soli passi di quel valzer francese che ora sono i passi eleganti e nobili, e lenti di ballerina. Adesso che dal cielo l’accompagna la sua mamma.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 439 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Ho frequentato la stimata scuola  privata “ De Amicis “ della mia città e in terza elementare ricordo che venne indetto un concorso per il miglior alunno dell’anno. I requisiti per partecipare erano: avere un’eccellente media di voti, praticare con successo uno sport e ideare un progetto che si distinguesse per originalità e competenza.  Non mi sarei mai sognato di partecipare ad un concorso del genere, ma mia madre mi iscrisse e pretese che mi impegnassi con tutte le mie forze. I mie voti erano discreti, per renderli eccellenti mi affiancò una professoressa che ogni giorno mi faceva studiare due ore supplementari. Per lo sport mi iscrisse a lezioni di sci che praticavo tutti i fine settimana in attesa della gara che si sarebbe tenuta a febbraio. Per il progetto mia madre mi diede carta bianca dichiarando che in quanto a creatività non  avevo uguali . In realtà non mi veniva in mente un bel niente. Anche al mio amico del cuore Giulio era toccata la stessa sfortuna. Sua madre lo aveva iscritto al concorso e lo obbligava a praticare il Karate che lui odiava. Un pomeriggio mentre rientravamo da scuola, Giulio mi chiese se avessi pensato a un progetto da ideare e gli confidai che avrei costruito un vulcano e attraverso una semplice reazione chimica tra l’aceto e il bicarbonato di sodio avrei simulato un’eruzione. Lui mi confidò che non aveva idee e che forse avrebbe costruito un plastico del Duomo. I mesi passarono nella noia e nella preoccupazione di quell’ odioso concorso. La media dei miei voti migliorò visibilmente  e a febbraio,nella gara di discesa ,arrivai primo nella mia categoria. Mi impegnai nel mio progetto, costruii un vulcano di carta pesta e simulai più volte l’eruzione di lava che era davvero spettacolare. In un caldo pomeriggio di giugno venne organizzata la presentazione dei progetti e a seguire ci sarebbe stata la premiazione. Quel giorno mia madre mi fece indossare una camicia di lino e dei pantaloni a righe blu assai eleganti, ma molto scomodi. Alle quattro del pomeriggio venne dichiarata la graduatoria: per la terza classe io e Giulio eravamo a pari merito. Alle cinque iniziò la presentazione dei progetti, dopo due ore eravamo rimasti solo io e lui.  Giulio venne chiamato per primo. Sparì per qualche minuto ed entrò sul palco con il più grande e magnifico vulcano di carta pesta che avessi mai pensato si potesse realizzare.  Fece una presentazione straordinaria simulando un’effervescente colata lavica attraverso la semplice reazione chimica tra il bicarbonato e l’aceto, mi guardò e mi strizzò l’occhio come in segno di complicità. Rimasi pietrificato, tenevo sulle ginocchia il mio umile vulcanucccio colorato con imprecisione tanto che in alcuni punti si leggevano ancora le scritte del quotidiano di mio padre. Quando fu il mio turno andai sul palco con lo sguardo basso e le lacrime agli occhi. Produssi una fiacca eruzione  che colò lievemente dal cratere. In prima fila vidi mio padre che applaudiva con calore accennando un sorriso che lievemente intiepidì la mia delusione. Quando scesi dal palco i miei genitori mi presero per mano evitandomi l’umiliazione della premiazione  mi  dissero. “ Fa così caldo…  Andiamo a mangiarci un gelato “ . L’ultimo giorno di scuola, sul giornale scolastico spiccava la foto di Giulio con il suo magnifico vulcano e sotto  la scritta “ Il miglior alunno dell’anno. “  Confesso che ancora oggi non riesco a perdonarlo, non tanto per avermi rubato l’idea , ma per lo sguardo compiaciuto che mi rivolse dal palco.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: neveamarzo  

Questo autore ha pubblicato 6 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Si posa sui piedi e sulle mani nude per riscaldarle. Si adagia sulle radure per infoltirle. Giace sul ramo gelido per sciogliere il ghiaccio. Scalda le ali fredde del passerotto; per permettergli di volare più in alto. Emana calore; quando sui brulli rami si posa. Penetra i platani e gli olmi. Feconda le foglie dei boschi...e dai rami nascono strisce di luce. Ossequioso si introduce nelle chiese; dai finestroni illumina i volti dei santi. Intrufolandosi fra i ceri accesi e tra i grani di un rosario, tocca le mani giunte e prega con te. Illumina i volti di madonne, di bambini, di ricchi, di poveri e recita preghiere. Non fa distinzione di razza, di colore: il sole riscalda tutti. Come una grande madre si prende cura dei suoi figli: coprendoli coi suoi caldi raggi. Solitamente, quando entra nelle case per donare calore, lo fa con discrezione: entra pian pianino dagli spioncini e delicatamente sfiora guance, labbra e schiocca baci. Talvolta però è sfacciato: ti accarezza le gambe, il seno, le orecchie, la bocca, il collo e tu lo lasci fare: nessuno può mandare via il sole; anche se è caparbio e spesso entra senza bussare. Anche se secca la pelle, anche se fende le zolle, non si può non amare il sole! Spesso è irruento, però è anche ingenuo; quando testardo spacca coi suoi raggi i terreni incolti: convinto che ogni terra nasconda un seme. Nasce, muore, risorge e tramonta...e noi nasciamo con lui ogni giorno e moriamo insieme a lui ogni notte. Tutti noi abbiamo dentro il nostro piccolo sole: come stelle piene di luce, appena desti...alziamo gli occhi al cielo e felici di brillare...ringraziamo il sole.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 135 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Alcune vite fa scrissi due poesie sul Natale. “La leggenda del giocoliere” dove un poveromo, capace ancora di accorgersi di un fiore cresciuto in un tombino di scolo, portò in dono al bambinello l’unica cosa che sapeva fare. Volteggi e palle colorate. Come quelle di vetro, plexiglass o plasticaccia, conta poco, che addobbano l’albero d’ognuno accanto alla porta.
Anche se so bene che il vinaio del presepe vi vede che nella parte dietro mettete meno palline.
Potrei dirvi che nello scatolone le statuine è come se prendessero vita per passare l’anno a intrecciarvi le lucine. O che ogni volta mi addormento quando tirate fuori le pecorelle una ad una.
Chi sono io? Sono stato in presepi dove c’erano troppe pecore, ma nessuna voglia di toglierle. Così qualcuno ci metteva un lupo.
Potrei raccontarvi di come Giuseppe, oppresso dallo scenario nel quale viviamo, ieri se ne sia andato a comprare le sigarette e non sia ancora tornato…
O dei pecorai in fila con gli smartphone in mano per farsi a turno un selfie con i Magi.
E chi è lei che ancora apprezza incenso e mirra, e non si aspetta uno chalet di montagna a Natale e un brillocco sotto al vischio, a cui rivolgo questi auguri?
Io sono il pastorello che dorme beato e che si immagina il presepe sognando. E se Babbo Natale mi ha insegnato qualcosa, è che se ti presenti solo una volta l’anno tutti sono felici di vederti.
Già, quasi dimenticavo… la seconda poesia. “Il bambino cieco di Betlemme” quella notte in cui tutto correva verso un’unica mangiatoia seguì il suono forte delle campane delle greggi fin sotto la cometa, che splendeva come oggi a metà mese la spia della benzina.
Qualcuno a mezzanotte anche stanotte che è Natale farà gli auguri ai cigli delle porte e brinderà con l’ultimo cappone, senza piume ma che almeno attraversa sulle strisce, davanti all’albero di qualcuno con le campanelle.
Lei è la mia amica di penna. Nel suo presepe, Maria fa le pernacchie sul pancino a Gesù e le sue risate si sentono in tutto il mondo.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 439 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.