Tanto tempo fa una coppia di alieni decisero di girare il mondo. Insieme sono saliti al di sopra delle  nuvole e incontrarono una turbolenza e la navicella spaziale perse il controllo. Da un finestrino della navicella cadde un medaglione magico che possedeva  un grande potere e lo donava a chiunque  lo indossasse.
 
Il medaglione presse vita  e cadde dentro un bidone. Il bidone nel passato fu trattato molto male dagli umani.
Il bidone prese vita e decise di chiamarsi  TARGOG. Lui decise di trattare gli umani come loro trattarono TARGOG però  lui prendeva vita solo di notte.  TARGOG non aveva le gambe quindi ogni sera  stava fermo nella sua posizione finché non incontrò un ragazzino di nome TOM molto intelligente che costruì per lui un carro elettrico, in quel modo, ogni notte TARGOG uscì con il ragazzino a torturare gli umani. Il ragazzino TOM aveva come l’amico TARGOG brutte esperienze con i suoi simili. Il bidone TARGOG lo capì subito e allora decise di non fargli del male.
 
Loro si allearono e iniziarono a torturare gli umani, saccheggiarono e bruciarono case.
Dopo un po’ il ragazzino TOM  non provò più soddisfazione nel torturare gli umani e allora decise di perdonarli e abbandonò TARGOG al suo destino.
 
Dopo un po’ di tempo TARGOG non riuscì più  a saccheggiare le case o negozi perché le sue strategie erano pianificate dal ragazzino TOM.
 
Una notte TARGOG stanco e demoralizzato dal fatto che TOM l’avesse abbandonato e capendo che TOM era la “mente” della loro unione decise di provarci comunque, ma con scarsi risultati.
 
Una sera, al ritorno da una sua malefatta, incontrò un camion dell’immondizia che bagnò tutte le strade della città. Il bidone TARGOG era inseguito dalla polizia, in una curva andando molto veloce scivolò sulla strada e il poliziotto lo prese e lo portò in carcere e non riuscì più ad evadere.
Il ragazzino TOM, dispiaciuto, ogni tanto andava a trovarlo.
 
TARGOG visse per tanto tempo e ebbe modo di riflettere sul suo passato.
Gli umani vissero felice senza problemi e capirono i loro errori e da quel giorno trattarono bene i bidoni.
Lorenzo


Questo racconto è stato scritto da un mio alunno di scuola che ha tredici anni.


 
 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Barbara  

Questo autore ha pubblicato 108 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

nabrunindu
# nabrunindu 05-12-2014 18:25
fai i complimenti a Lorenzo, è una favola bellissima, tutti dovremmo trattarci bene, tutta l'umanità, grazie Barbara.un caro saluto. :-)
Demetrio Amaddeo
# Demetrio Amaddeo 08-12-2014 13:20
Fantastico!

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.