La pacata natura delle menti, di passaggio in questi corpi e in questi luoghi, ha assorbito nei tempi l'allargarsi degli insegnamenti.
Molto amiche della cultura, come spugne, han raccolto ogni sporcizia, ogni avanzo, ogni sentore.
Senza filtri alcuni e senza regole, continuano ad essere libere e procaci.
Continuando poi, nei loro percorsi, nel loro recepire, han sviluppato le arti dell'abbellimento, dell'infiocchettatura.
Del poetar poetando, hanno imparato a giustificare che, fa scudo contro ogni avversità del mondo.
Di chi non le lascia nel loro fare, non se ne devono curare.
E fra queste menti, alcune, fan la differenza fra chi nel poetar poetando si lascia andare, a frasi fatte, tristezze, banalità, stati d'animo, stereotipi
sdolcinature e
colorite ricerche verbali. 
La pacata natura delle menti è tutto e niente, come lo sono le differenze nel poetar poetando.
 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Valerio Foglia*   Sostenitore del Club Poetico dal 15-06-2014

Questo autore ha pubblicato 249 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.