Mi sono innamorato della tenera dolcezza, avvolta dal freddo di questa notte solitaria, aspetto l’alba, come se la luce mi liberasse da qualcosa.

Ma tu sei la gioia? Sei il maestrale estivo o la tramontana invernale?

Accarezzami la pelle, sentire quelle mani mi da una sconfinata voglia di vita, è come se fossero le onde cristalline del mare, dove immergo i miei sensi, nella speranza che ritorni la mia interiore bellezza.

Quella bellezza formata ormai tanti anni fa, da cellule che ballavano al ritmo di una musica vibrante, incessante, con il cuore fatto a tamburo, le vene come una chitarra, la mente come un pianoforte.

Come era dolce quella melodia, bucava le tenebre della notte, non si faceva abbagliare dalla luce del sole.

Ero vivo.

Adesso aspetto una Sirena…

Vorrei vederla nascere dalle acque del Mare della Tranquillità e specchiarsi nei miei occhi cerulei.

Si, proprio quel mare lassù su la luna.

Non la vedo pallida come la luna, ma scorgo occhi lucenti come i capelli.

Sta avanzando, ma è incerta, indifesa, mentre traspare dal suo volto un : cercavi me?

La luce siderale adesso la illumina : è bella.

Labbra disegnate perfette, un sorriso vestito di femminile dolcezza, mi guardi, ma non ti avvicini, in questa calda notte d’estate.

Io sono amaro e aspro come la buccia del limone, non canto e non ballo più.

Ma la sua dolcezza può scuotermi l’anima..?

Provo a prenderle la mano, ha dita calde e affusolate.

Ma tornerò a sorridere, a cantare, a ballare ?

E’ silenzioso il Mare della Tranquillità, non vedo e non sento le onde che giungono a riva.

E’ una sirena senza l’acqua salata, però mi invade, come una tempesta ispirata dal vento.

Non so immergermi in quel mare assente ed il tempo passa inesorabile.

Mi volgo verso l’orizzonte, verso la Terra, dove rivedo il mio passato, tutti i miei ieri ormai perduti per sempre.

Il mio animo dorme, sospeso in questo indefinibile mare silenzioso.

L’infinito del cielo mi avvolge.

Vorrei cantare, ma la Sirena ascolterà ?

Vorrei mostrarle il mio mare, laggiù su la Terra, quel mare sorvegliato ormai da secoli da quel vulcano che dorme e poi si sveglia, assicurando la sua presenza a tutti.

Se me ne vado da qua senza la Sirena farò un viaggio autunnale, su tappeti di foglie di castagno, con il gelo dell’infinito che secca le lacrime sul viso.

Ma non è questo che desidero, voglio regalarle i miei pensieri variopinti, che si scontrano l’uno con l’altro e si frantumano, in migliaia di pezzettini dorati.

Ma la mente è viva la sento battere nelle tempie, anche se ho smarrito la via.

Queste stelle brillanti che mi circondano sembrano briciole di pane disperse nell’infinito, come ad indicare una strada, illuminano il cammino di chi vuol camminare, illuminano la strada per chi vuol correre, illuminano la dimora di ha ormai deciso di fermarsi.

Aspetterò l’alba, la luna sparirà, con il suo Mare della Tranquillità e forse sarà gioia.

Ho imparato a memoria la strada questa notte, non sbaglierò nemmeno su la curva più pericolosa, torno a vedere il mare impetuoso assordante è troppo silenzioso.

Si adesso posso addormentarmi sereno.

Ma tutte le sirene amano il mare…?

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Gieffepi  

Questo autore ha pubblicato 6 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 12-09-2019 20:39
Dal tuo amato mare arriverà la tua dolce sirena, puoi togliere i punti interrogativi perchè tornerai a sorridere a ballare e a cantare, l'ultima curva sarà dolce come dolce sarà il futuro, bellissima mi ha toccata molto questa tua, complimenti.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.