Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
In questo spazio si possono pubblicare post inerenti alla cultura in genere: poeti, scrittori, quadri, film, musica ecc, per confrontarsi, discutere, ragionare e trovare l'emozioni che possono scaturirci.
Per non fare troppa confusione cerchiamo di aprire post settimanali, al massimo due a settimana.

ARGOMENTO: Castorius (Ma che rumore avrà fatto il pane)

Castorius (Ma che rumore avrà fatto il pane) 6 Mesi 2 Settimane fa #1

  • Kate
  • Avatar di Kate
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 12
  • Ringraziamenti ricevuti 30
ma che rumore avrà fatto il pane
spezzato dalle mani di Gesù?
avrà crepitato come il tuono e il lampo
nel cielo ingolfato di Giorgione?
e mi sarei impolverato i piedi passeggiando
ai confini dell’orto dei giulivi
in un caffettano blu?

il mio ritratto in madreperla e ribes
avrebbe sfiorato il tuo nel letto tiepido
delle sabbie d’Egitto, in venti secoli?
c’è la pioggia sui tetti di Venezia
ma non è la stessa cosa: mille bacche
succo di luce, gocce d’oro alchemico
hanno migrato sopra le tue labbra.

i tuoi occhi forgiati ai primi secoli
dell’era volgare. forano di fiamme
una lastra di marmo spessa ventisei
sospiri. la luna vi chiude le palpebre
vimini, quando emerge nuda dal Gange
e profuma di seta, ogni notte d’estate.
l’estate eterna dei lidi acciottolati

che le follie greche bruciano e lambisce
la risacca assetata, la folle di vaniglia e schiuma.
il sangue uggiola, pigola, bramisce
infine ulula allo sciame chiassoso delle stelle
che trascorre, fino a bagnarsi al Tevere.
come un serto di elettroni e di benedizioni.
il sangue che beccheggia dentro i muscoli

ha il tuo nome, il tuo nome di smeraldo,
diadema di piume rosa, trono di giunco
e di pelliccia, affacciato su Cariddi,
rugiada sul cuore, rinvenuta una
domenica mattina da mani pallide
ed affannate. cuscino d’astri
e nome di mille iddii, ti vedo

ora, ora e da sempre, giocare
assisa sul costone del vulcano
come sulla cruna del mondo
come in una veranda sulla Senna
come in una camera di frasche
giocare con le rose e con gli occhi
di perla della tigre che è il tuo cuore

è da quattro millenni che tu parli
soltanto respirando la mia lingua .
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: Enzo Agostini*, Silvana Montarello*, Caterina Morabito*
Tempo creazione pagina: 0.128 secondi
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.