Cerco l’ispirazione,
sento che sta arrivando
scrivo due rime buone,
mentre tu stai mangiando.

Parlo del temporale
e di quel vento forte,
sgorga e porta il ruscello
acqua rossa di morte.

Sono parole a caso
dribbling nel mio cervello
mentre col cellulare
tu giochi a saltarello.

Un mare coi gabbiani
senti la mia poesia
ma tu neppure leggi,
forse è una porcheria.

Ancora rime e rime
ora son divertenti,
parlo dei tuoi sorrisi
nascosti ai pretendenti.

Oh che poesia bislacca
senza capo e né coda
di certo cestinata
da te che sei la sola,

la sola che non legge
le rime disastrate
che scrive il mio cervello
dall’inverno all’estate,

dove nel mare calmo
picchia cocente il sole
sdraiato sulla sabbia
prendo un’insolazione.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aug94  

Questo autore ha pubblicato 42 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Anais
# Anais 12-07-2022 16:18
Attento all'insolazione!
Fa Male!

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.