Mio padre  mai saprà
in quale fallimento
in quale trappola del tempo
è scivolata la mia vita.
L’ho lasciato fuori dal frastuono
da questo  mio tormento
perso come sono
tra l’illusione e l’appagamento.
Volevo che  ricordasse
solo il mio sorriso
e quel  libero cammino
di un bimbo ormai canuto
che non perde il filo
dell’insegnamento.
E quella notte che ho capito
l’ho baciato  sulla fronte
pensando “ti ho mentito”
però domani torno
domani te lo dico.
Ma mio padre era un cocciuto
testa dura più di me
ha slacciato le sue vele
e se n’è andato
mi ha lasciato con il fardello
di un uomo senza più orientamento
ha preferito non sapere
di questo mio inferno
guadagnandosi  il paradiso
che io già rinnego.
 
 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Demetrio Amaddeo*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-11-2020

Questo autore ha pubblicato 273 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Renato Dentice d'Accadia
+1 # Renato Dentice d'Accadia 19-11-2013 18:54
Molta amarezza e malinconia nei tuoi versi sciolti.
amilcare stunf
+1 # amilcare stunf 19-11-2013 18:54
Anche se ottimamente scritta la trowo illogica; perlomeno non mi ritornano tutti i passi temporali della wita tua e di tuo padre.
Demetrio Amaddeo*
# Demetrio Amaddeo* 19-11-2013 20:51
Citazione amilcare stunf:
Anche se ottimamente scritta la trowo illogica; perlomeno non mi ritornano tutti i passi temporali della wita tua e di tuo padre.

non mi trovo d'accordo con te...se è una poesia ottimamente scritta e non riesci a capire i passi temporali, la poesia è scritta male...e cmq non riesco a trasmettere il mio stato d'animo che poi è tutta l'essenza della poesia...sarà per la prossima...
amilcare stunf
# amilcare stunf 19-11-2013 20:59
non posso dire che è scritta male perchè è efficace nel tono e nel ritmo, dico solo che il contenuto m'appare confuso quando ad altri potrebbe risultare chiarissimo. Può essere solo un problema di mia cattiwa rice zione;d'altrond e comedicewa un grande la poesia èefficace anche se non capita.
Demetrio Amaddeo*
# Demetrio Amaddeo* 19-11-2013 21:22
cos'è che non riesci a capire? o che io non riesco a spiegare
amilcare stunf
# amilcare stunf 19-11-2013 22:47
in effetti non ho capito se tuo padre è dipartito quella notte dalla wita oppure se ne è andato wiwo da qualche altra parte abbandonandoti. ....ti chiedo scusa per la mia durezza di cerwello
Anna
# Anna 20-11-2013 09:46
Forse è meglio che tuo padre non abbia saputo su cosa "ti ho mentito" ... se volevi che ricordasse il tuo sorriso... se n'è andato sereno, anche se ora pesa il fardello che porti!!! Tristezza e inquietudine dell'autore si respirano in questa poesia!!! Un abbraccio!!!
Demetrio Amaddeo*
# Demetrio Amaddeo* 21-11-2013 10:53
In effetti sono pensieri che vengono solo quando vedi un tuo caro in punto di morte...mancati dialoghi e dubbi di non avere condiviso anche i fallimenti della vita...e alla fine la scelta è quella di lasciargli una morte "serena"...

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.