'E panne spas'e Napule so' na bbella verità:
stanno llà appise e sse vonno fa' guardà.
Panne stise ô sole, tutte nfila e aunite,
ca spannono 'int'a ll'aria n'addore 'e pulito.

Panne pettegole ca se metteno a nciucià:
nzurfat'a ll'aria 'e mare se vonno appiccicà.
Panne arraggiuse, curiuse e ncazzuse,
ca sciosciano forte si 'o mare è nnervuso.

Panne stise a ll'aria, asciuttate d' 'o viento,
se contano parlanno...ggioie e tturmiente.
So' storie spase, chiacchiere 'e pariente,
voc'e popolo: si appizz'a recchia 'e ssiente.

So' llenzole ca parlano 'e na nott'e passione,
panne piccerille ca te danno n'emozione.
Sarranno sulo panne, però sanno parlà:
tutt'e juorne se stenne 'o ppoco 'e ntimità.

Cuperte cunzummate, currede arricamate.
Merlette, nastre, vrenzole arrepezzate.
Nun so' panne stise, ma fogli'e cart'appise,
addó senza sapé...ogneduno parla 'e sé.

So' ttanta menestrelle, giullare, cantastorie:
contano asciuttannese, miserie e gglorie.
Chiste so' 'e pann'e Napule: pure senza di',
sciuscianno te parlano; se sanno fa accapì.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 228 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
'A vita, spisso è ddoce, ê vvote è amara:
cierti vvote è ggenerosa, ciert'ate è avara.
Nce sta chi a mmalapena ll'assapora,
e cchi nne sente sulamente ll'addore.
Nce sta chi campa nuvanta, cient'anne,

e ttira annante fra acciacche e malanne
e cchi mmece se fa sulo n'affacciata:
se bbeve 'a vita 'int'a na sola surziata.
Nce sta chi cuntanno fatte 'e ggiuventù,
penza ô tiempo ca nun turnarrà cchiù:

tene appicciata 'int'a ll'uocchie na lucella,
ca se fa sempe cchiù ppeccerenella.
Nfin'a ll'urdemo se va truvanno 'o spasso:
nfino a qquanno 'a vita nun ce lassa.
Si campassemo e tturnassemo a nnascere,

fosse bbello, putessemo assaje pascere.
Nce purtassemo 'a champagna 'int'ô tauto
e bbrindassemo â vita ch'è appena ffernuta.
Po' tutte mbriache turnassemo a ccampà:
facessemo quacche ggruosso vagito

e ccomme si niente fosse succiesso...
nce tuffassemo a ppesce 'int'a n'ata vita.
Mmece 'sta vita ca tenimmo ll'afferammo,
cu ttutta 'a forza ca tenimmo 'int'ê vvracce.
Comm'a ll'evera ô muro nce attaccammo,

nfin'a qquanno na falce nunn 'a straccia.
Tremmammo si 'o viento nce tuculea,
chiagnimmo si 'a pioggia sbatte forte.
Ogni gghiuorno 'e vita ca campammo,
nce sta "essa" ca nce aspetta for'â porta.

Tutte vanno truvanno medaglie e ccoppe:
nce sta sempe chi se vo' mettere 'a coppa.
Nun se capisce ca te può ppure affannà,
ma nun 'o vince 'o premio 'e ll'immortalità.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 228 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Tutte me chiammano Pascale passaguaje:
'stu nomme 'a verità, nun me piace assaje.
Diceno ca tenco 'o sguardo addormentato,
'o cuorpo tuzzo, nu tanteniello trasandato.

Sarrà forze pe ll'alito ca mme fete 'e fiele:
si vaco 'int'â cchiesa se stutan'e ccannele.
C''o cuorno mano 'a ggente dice: "fatt'a llà,"
se fanno 'o segno d' 'a croce pe se tutelà.

'O palummo vulanno spisso va sgancianno,
me vede passà, mme culpisce tanno tanno.
Mentre m'asciutto nu poco jastemmanno,
me coglie ancora mentre sto' ppulezzanno!

P'abitudine cammino lentamente, piano:
nun vac'a sciulià ncopp'a buccia 'e banana!
Mammà diceva: "statt'attiento Pasquale..."
pareva na jastemma ca tanno me menava!

Tutte mme scanzano, fanno 'e scungiure,
me vottano 'e ccape d'aglio, contr'a jattura.
Che ce pozzo fa': me pozzo maje ncazzà?
Porto pacienza: 'e ccose ha nna cagnà.

Mentre cammino se nne scenne 'o cazone,
se rompeno 'e bbretelle: che cunsulazione!
Mentre me vaco a acalà cu 'o popò 'a fore,
me cade nterra 'o cartoccio cu ttutte ll'ove!

Cerco 'e piglià ll'ove mantenenno 'o cazone,
neh, comme se po' ffa', zompa nu bbuttone!
Chiudo 'a cammisa, le brache mantenendo,
adderet'ô lampione mi vado nascondendo.

Cerco d'acchiappà cazone, cammisa, ove
e ppenzo ca â casa, muglierema ce trovo.
Appena arrivo, sta ggià tutta ncazzata:
"Aggi''a aspettà ancora: ll'ove ll'hê purtate?"

Nun ve 'o voglio purtà tanto a lluongo,
ma 'a tiempo na cosa ll'aggio accertata:
ll'uocchie sicche, ggeluse e mmeriuse,
cogliono assaje cchiù d' 'e schiuppettate.

Forze nun sarrà propetamente overo;
pecché da 'a scienza nun è stato accertato,
ma si vide na jatta nera attraversà 'a strata,
dà retta a Ppasquale: fattella na rattata.
"
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 228 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
La FAMIJA po' esse n'caldo abbraccio, quella coccola che te consola quanno tutti te deludono e te te senti sola. La nostalgia che t'assale quarche vorta, trova soluzione proprio oltre quella

porta " casa tua"
. Fori da quell uscio lasci le amarezze e te rifugi dentro quer guscio. Ma la FAMIJA Nun è solo "casa", ce so pure lì parenti , che spesso, so peggio der mal de denti! Nun so

sempre rose e fiori, c'è sempre quello che semina dolori
. Presuntuosi e aroganti degni der palco dei politicanti . Te so vicini solo se bisogna Vili! Nun conoscono vergogna.


onora er cognome che porti, spojate de la boria e ricuci i rapporti. A tutti i parenti che Nun conoscono rispetto, giro le spalle e iè lo dico n'dialetto : Stateme lontani, per carità, bona vita a tutti e tanta serenità
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Rita Cosmai  

Questo autore ha pubblicato 1 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Quanno 'e ccampane fanno din don dan,
è 'o tiempo ca se nne va cunnulianno ll'ore:
songo 'e minute ca passanno e vvulanno...
tuculeano, strufinano tanta lancette d'oro.

Ncuntrannese se passano na lettera,
na lacrema, 'a scarda 'e nu penziero,
o quacche vaso ca pe ghjì 'e pressa,
è stato lassato a nu core furastiero.

Sonano 'e ccampane e a ogni rintocco,
'o batacchio se nne va vattenno 'o tiempo.
Facce nove e vvecchie se salutano:
se rincorreno fra ggioie, vita e turmiente.

Mentre 'o tiempo scorre...pure 'o mare,
se mette a ccuntà nu fatto e llà s'attarda:
vo' chiacchierià 'e na figliola ca chiagne,
pe n'amante traditore e assaje busciardo.

Squillano 'e ccampane p' 'o paese,
'e ssiente sunà 'a luntano alleramente:
scampaneano for'ê pporte, dint'ê cchiesie,
p' 'e ppiazze, fra 'e cchiacchiere d''a ggente.

Mpruvvisamente se nne vanno lente lente
hanno sentuto chiagnere 'a luntano.
'O campanaro affievulisce 'e suone:
mpreghiera se raccoglieno 'e crestiane.

Prianno prianno s'aunisceno nsilenzio,
nun se sape si ciento...o mille mane.
A ll'intrasatta fra lummine e ncienzo...
lieve se sente 'o chianto d' 'e ccampane.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 228 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
"San Pietro...arrapeme chesta porta..."
"Nun pozzo, ncopp'â terra haje peccato.
Si te cumpuorte bbuono e ffaje 'a bbrava,
te faccio assapè quanno sarraje graziata.

T'haje 'a fa' quacche mmese a ll'inferno:
accussi ha deciso 'o Patatermo!
Ma llà abbascio fa cauro assaje;
'e diavole mme pogneno cu 'o furcone.

M'hanno fatto 'a pelle rognole rognole:
m'hanno pure spurtusato cu 'o spillone.
Si 'o ssapevo mme cumpurtavo bbuono,
ma a carne è ddebole...e ttu 'o ssaje;

nce stanno tanta, troppi ttentazione;
int'a nniente...te truove 'int'ê guaje.
Si te vuò scuntà tutte 'e peccate...
'o Pataterno te dà n'ata opportunità:

te manna n'ata vota ncopp'â terra...
e tte dà 'o canzo cu 'o tiempo d'espià.
Nun appena haje arreparato ô danno,
nu poco â vota te scunte 'a cundanna.

Allora manname mo mmò ncopp'â terra va,
ca 'sta questiona 'a voglio subbeto apparà.
Accussì fuje mannata ncopp'â terra
cu 'a speranza 'e risolvere 'a questiona.

Nun appena scengo llà abbascio...
mme trovo 'int'a na brutta situazione.
Na mamma s'astregneva 'o figlio muorto:
nun respirava cchiù...pecché 'e bbomme,

ll'hanno ciuncato mane, gamme e vraccia:
chest'è ssucciesso...e sse sape comme.
Quante uommene vestute 'a surdate...
hanno stracciato ll'evera da 'a terra.

Ll'arbere nun teneno cchiù 'e ffronne
e sse penza sulamente a ffa' 'a guerra.
So' gghiute a ccumbattere 'e pate 'e figlie:
so' state custrette âbbanduná 'a famiglia.

Aggio visto tanta criaturelle marturiate,
troppi ffemmene accise e vviolentate.
Quanta perzone songhe morte a mmare:
ll'acqua p' 'o scuorno è addeventata rossa.

Mbarcazione sperdute mmiez'a ll'onne;
d' 'e cuorpe so' rrummase sulo ll'uosse.
San Pie' tenco 'o core assaje straziato,
'a terra è comm'a ll'inferno, nun se po' sta'.

Ce sta tanta sufferienzia, saje che te dico:
tutte 'e peccate m' 'e vvoglio scuntà ccà.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 228 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
'E gghiurnate se stanno nu poc'allunganno:
so' ggiuvincelle avete appena na spanna.
So' rreseriose 'e se levà a faccia 'a tristezza,
'e nu vierno assaie luongo, avar'e carezze.

Ncopp'ô ramo spezzato d' 'o troppo ggelo,
schioppa timmido nu ggermoglio 'e mela.
Na margheritella cu 'e petale ggialline,
se sciascea sott'a nu bbellu cielo turchino.

Quanno 'a vvierno 'o tiempo scorre lemme,
d''a primmavera ne cummoglia 'e ggemme,
nu brivido scarfa 'a pelle si core a ccore,
veco dduje picciuncielle ca fanno ammore.

Ntanto ca vierno s'appripara 'a valigia,
e ce nfizza dinto 'a pioggia e 'o cielo grigio,
ogni ccore comm'a nu cavallo sbrigliato...
libero d''a zavorra ca ngroppa s'ha carriato.

Vocche avvellutate schioccano tanta vase,
ogni rrusso è nu desiderio ca sap'e cerase.
E i' me sento dinto na famm'e primmavera:
chello ca veco tene 'a forma 'e na vuliera.

Voglio vulà aveta, ogni penziero scarcerato,
addeventa na palomma ca vola p' 'o criato.
'E nnuvole pareno fatte 'e zucchero filato,
'e prate fiurite songo tuvaglie arricamate.

E i' abbabbiata 'a 'stu cielo chiaro, ruffiano,
nun m'addono c''o tiempo mme sciulia d''e mmane.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 228 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Nce sta chi 'o perde,
ma nun se leva 'o vizio.
Chi s' 'o leva pe bbellezza
o pe nu sfizio.

Chi te ll'alliscia
e tte fa nuovo nuovo
e chi 'o va cercanno
pure dint'a ll'uovo.

Po' truove a cchillo
ca è ccumminto
ca tene valore...
e se ll'appoja,

comme si fosse argiento...
...ncopp'ô core.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 228 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
So' 'o primmo mese 'e ll'anno, so' Ggennaio,
songo 'o capomasto 'e tutto 'o calennario.
Certo, tenco na granna responsabbilità,
ogn'anno attocca a mme âccummincià.

Appriesso a mme vene 'o mese bbruttulillo
è ffratemo Febbraio...detto 'o nfamone.
Porta friddo, pioggia, neve e vviento.
È ccurto, male ncavato: è nu carugnone.

Po' nce sta Marzo, 'o mese pazzariello:
vene a cchiovere ncopp'ô cchiù bbello.
Apprimma ride...po' bbello e bbuono,
'Int'a niente scenne abbascio n'acquazzone.

Quanno trase 'o mese Aprile è na bbellezza
ll'aria addora 'e gardenia...che freschezza!
'A ggente addeventa cchiù allera, rilassata:
se scrolla d' 'e spalle 'o friddo d' 'a vernata.

Comm'è bbello Maggio, 'o mese d' 'e rose
'o mese 'e ll'ammore, 'o mese d' 'e spose.
'A natura se mbelletta, se regne 'e sciure
e ll'aria mprufummata se tegne 'e culure.

Cu 'o mese 'e Ggiugno 'o calore se fa sentì
e allora nun tiene ggenio 'e t'ammalincunì.
'O cielo celeste chiaro 'a tristezza fa passà:
te spuoglie, tiene voglia 'e ridere e ppazzià.

A Lluglio fa cauro, assaje, ma overo assaje:
è nu mese afuso, se dorme poco o maje.
Staje bbuono sul'ô ffrisco sott'â luggetella.
cu na bevanna fresca e na pagliarella.

'O mese Austo nce sta nu granne solleone,
vaje cercanno arrifrisco sott'ô mbrellone.
Te tuffe 'int'a ll'acqua, t'abbracce 'o mare...
e ogni ccore se sente nu poco marenaro.

Settembre accummencia a rrinfrescà,
'a bbella staggione poco a ppoco se nne va.
Ll'aria se fa frisculella, doce e frizzante:
te fa sentere gruosso comm'a nu ggigante.

Uttombre lassa nterra foglie ggialle, rosse,
'e rame spoglie chiagneno commosse.
Stuorme d'aucielle s'aizano nvolo,
cu 'e cumpagne vanno addó coce 'o sole.

Po' vene Nuvembre 'o mese d''e muorte:
'o cielo se fa grigio, lacremmea e cchiagne.
Cipresse, crisanteme a lluongo a lluongo,
sfilan'ê bborde d''e viale, p' 'e strate sulagne.

Dicembre è ll'urdemo mese d' 'a figliata:
ogni ccasa 'e tinte rosse sta addubbata.
Vene Natale, nasce 'o bbammeniello:
'int'ê ccase se fanno 'o presepe, ll'alberello.

E cchesta è 'a vita, n'avutata 'e calennario:
tanta nummarielle attaccate ncopp'ô foglio.
Ntanto ca 'o tiempo segna 'a data e ll'orario,
nu sciore nasce e nterra cadeno 'e ffoglie.

Comm'a nu treno ca corre ncopp'ê bbinarie,
passano ll'anne, veloce se sperdeno p''a via.
'O tiempo s'arrobba tutto 'o presente tujo...
pe rricordo te lassa nu mare 'e pucundria.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 228 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ê vvote me veneno mente viecchie ricorde,
'e quanno me magnav'o munn'a mmuorze.
'E quanno 'a vita 'e tutt'e juorne ll'affruntavo,
cu ffatica, cu ttant'affanno e ttanta sfuorze.

Però ogni ccosa 'a pigliavo alleramente:
currevo annanze e arreto, comm'ô viento.
E mmo stongo ccà a mm'arricurdà...
'e fatte e ccose, succiesse tantu tiempo fa.

'A nunnarella mia purtava 'e capille,
attaccate ârret'â capa cu 'e ffurcine.
Capille janche comm'a sscelle 'e palomma,
'a stagione teneva ddoje cerase pe ricchine.

Nu scialle ncopp'ê sspalle fatto a mmano
cu qquacche rremasuglio 'e lana vecchia.
Na curnicia cu ddinto nu vetro consumato,
ca essa spisso ausava comme specchio.

'A 'int'a 'o mantesino sempe appuntato,
spuntava ê vvote nu pezzullo 'e ciucculata
e ssi quacche nnepote se ll'ammeretava,
essa diceva: "tie', pe te, hê fatt'o bbravo!"

Ancora m'allicordo chelli bbelli mmane:
mane faticatore, nervose e cchiene 'e calle.
Quanno pe mme vasà nfaccia s'acalava
e sse ncurvava tutta quanta dint'ê spalle.

Quanno po' mme faceva na carezza,
chelli mmane parevano carta vetrata:
allora mme devono fastidio, ma mo no...
comme vulesse essere ancor'accarezzata!

N'aggio sentuto 'e friddo e ancora tremmo,
si penz'a chella casa umida estate, vierno!
Però comme mme piacesse e nce turnà:
nce rrummanesse a mmo nfino a ll'eterno.

Eva chiena 'e macchie nfacci'a 'e mure:
macchie nere e grigie per ll'ummidità.
Ogni mmacchia cuntava nu poco 'e storia:
llà pure 'e mmure putevano parlà!

Accussì s'aspettava ca scenneva 'a sera,
quanno a nonna appicciava 'o vraciere.
Gruosse e nnennille attuorno ô ffuoco:
'e bbrutte penziere se scurdavano nu poco.

Pe nnuje ninne peccerille eva nu juoco:
quanta cose se vedevano 'int'ô ffuoco!
Chi vedeva nu sciore, chi ll'aquilone,
chi na casa 'e spirite, chi nu dragone.

Quanno s'appicciavano 'e ramuscelle,
chelli sscintille a mme me parevano stelle.
Nu cunto d' 'a nonna, na vecchia canzona:
quanta bbelli culure teneno ll'emozione!

Tenevamo 'o nasillo russo agghiacciato
dete d' 'e piede, d' 'e mmane cu 'e gelune.
Maglie vecchie e ccazune arrepezzate,
purtuse vicino ê ccazette e ccazettune.

Si ce penzo, quantu tiempo ca è ppassato,
ma da allora 'o calore 'e chillu vraciere,
che vulite a me, nun ll'aggio cchiù ppruvato.
Giovanna Balsamo

Traduzione

Il braciere

A volte mi vengono in mente vecchi ricordi,
di quando prendevo il mondo a morsi.
Di quando la vita di tutti i giorni l'affrontavo,
con fatica, con affanno e tanti sforzi.
Però, prendevo ogni cosa allegramente:
correvo avanti e indietro come il vento.
Ed ora sono qui a ricordare...
di fatti e cose, accaduti tanto tempo fa.
La nonnina mia portava i capelli,
legati dietro alla nuca con le forcine.
Capelli bianchi come le ali delle colombe,
d'estate portava due ciliegie come orecchini.
Uno scialle sulle spalle fatto a mano,
con qualche avanzo di lana vecchia.
Una cornice con dentro un vetro consumato,
che ella adoperava spesso come specchio.
Dal grembiule che portava sempre addosso,
sbucava spesso un pezzettino di cioccolato
e se qualche nipote lo meritava,
lei diceva: "tieni, è per te, sei stata brava!"
Ancora ricordo quelle mani belle:
mani lavoratrici, nervose e piene di calli.
Quando per baciarmi il viso si abbassava
e si incurvava tutta nelle spalle.
Quando poi mi faceva una carezza,
quelle mani sembravano di carta vetrata.
Allora mi davano fastidio, ma ora no:
come vorrei essere ancora accarezzata!
Ne he sentito di freddo e ancora tremo:
penso a quella casa fredda estate e inverno!
Però quanto mi piacerebbe ritornarci:
ci rimarrei da ora fino all'eternità.
Era piena di macchie vicino al muro:
macchie nere e grigie per l'umidità.
Ogni macchia raccontava un po' di storia:
lì anche i muri potevano parlare!
Così si aspettava che scendesse la sera,
quando la nonna accendeva il braciere.
Grandi e piccoli attorno al fuoco:
i brutti pensieri si dimenticavano per un poco.
Per noi piccoli bambini era un gioco:
quante cose si vedevano nel fuoco!
Chi vedeva un fiore, chi l'aquilone,
chi una casa di spiriti, chi un dragone.
Quando s'accendevano i ramoscelli,
quelle scintille a me parevano stelle.
Un racconto di nonna, una vecchia canzone:
quanti bei colori hanno le emozioni!
Avevamo il nasino rosso ghiacciato
le dita di piedi e mani con i geloni.
Maglie vecchie e pantaloni rattoppati,
buchi vicino alle calze e ai calzettoni.
Se ci penso...quanto tempo è ppassato!
Però da allora il calore di quel braciere,
che volete da me...io non l'ho più provato.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 228 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Tu che fuggi e voli via,
Sparendo come per magia,
Lasci ricordi belli e brutti,
Democratico lo sei proprio con tutti.

Segni le attività quotidiane,
Tutti i giorni e settimane,
Sembra che non basti mai,
Generi ritardi che crean guai.

Del resto senza di te come fare,
Un appuntamento non si potrebbe fissare,
Un giorno importante non ricordare, 
La nascita di un figlio non aspettare. 

Però con te ce l' ho a morte,
Perché mi guidi a lacrimata sorte,
Ma sai..non ti voglio imprecare, 
Altro te non vorrei sprecare.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Stornello Meneghino  

Questo autore ha pubblicato 400 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Na sola goccia dint'ô mare nun se vede,
ma quanno 'a tiene nfaccia te n'adduone!

Triste pienze: "sta arrivann'o maletiempo..."
e tte siente 'e bburbuttià p' 'a capa 'e tuone.

'O cielo minacciuso allampea 'a terra,
'a vocca bbeve pioggia, ma nun se nzerra:
s'assapurea ncelestiate gocce 'e sale,
ca teneno 'o sapore 'e ll'acqua 'e mare.

Pe chi s''o po' ppermettere chist'è 'o chianto,
ca se chiagne chi tene 'o core affranto.
Ma nce stanno lacreme ca tien'annascuse:
pare ca quase quase vonno cercà scusa.

So' ccuiete, nun le piace 'e fa' confusione:
rummaneno ncanna, abbrucian'e passione.
Lente lacremmeano p' 'e vise addulurate...
ma cadeno asciutte, nun so' maje bagnate.

Nun 'e vvide e nun 'e ppuò mmanco tuccà:
spisso pareno resate...nun vonno pietà.
Songo lacreme ca si pure senteno dulore...
chiagneno ncuorpo, ma senza fa' rummore.
Giovanna Balsamo
#giovannabalsamo

Traduzione

Occhi asciutti

Una sola goccia nel mare non si vede,
ma quando la vedi in faccia te ne accorgi!
Triste pensi - sta arrivando il cattivo tempo -
e ti senti borbottare in testa i tuoni.

Il cielo minaccioso riempie di lampi la terra,
la bocca beve pioggia, ma non si chiude.
Assapora celesti gocce di sale,
che hanno il sapore dell'acqua di mare.

Per chi può permetterselo è questo il pianto,
che piange chiunque abbia il cuore affranto.
Ma ci sono lacrime che si tengono nascoste,
a volte pare che stiano a chiederti scusa.

Sono tranquille, non amano far confusione:
rimangono in gola, ma bruciano di passione.
Sono lacrime che scendono sui visi addolorati,
ma cadono asciutte...non sono bagnate.

Non le vedi e non puoi nemmeno toccarle:
spesso diventano risate, non vogliono pietà.
Sono lacrime che se anche sentono dolore,
ti piangono dentro...ma senza far rumore.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 228 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
'A vita è nu palcuscenico addó ll'emozione
sbatteno forte 'e piere e ffanno rummore.
È nu triatro a ll'apierto addó ogni attore,
se ncontra e scontra cu 'a gioia e 'o dulore.

È na schiuppata 'e cerase 'int'a nu ciardino,
È na canzona ntunata 'a ciento cardelline.
È nu gruosso bbicchiere trabuccante 'e vino.
È nu cespuglio 'e more mmiez'ê sspine.

È nu sciore appuntato nzino 'a na sposa:
chino 'e bbucciuole 'e ruselle addurose.
È na porta ca va a vviento fra minute e ore.
È na cantata allera o nu chianto 'e dulore.

È na grann'opera: p'ogni ffoglio 'e calennario,
s'appripara 'o sfondo pe nu nuovo scenario.
È na cummedia addó ll'odio e ll'ammore,
sbatteno forte mpietto llà...addò sta 'o core.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 228 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Comme piccea 'o cielo stammatina:
vulteggia 'int'a ll'aria 'a goccia ballerina.
Trasparente, leggiera fa nu volo e atterra:
chiuvenno tuculea chianu chiano 'a terra.

È pprimma matina, ma già sera me pare:
se nfonnen'e pprete d' 'o vecchio casulare.
'A pioggia ha scetato prufumme antiche,
addora ll'evera sotto ê mure, 'int'ê viche.

Tremmano pure ll'arbere, 'e ffoglie.
Quacche sciore appassito se spoglia:
vicino 'a na bbella rosa fa 'o damerino,
ntanto ca 'a saluta se fa ll'urdemo inchino.

Chiove, 'a pioggia tutto va tuculianno:
pare nu criaturo ca ogni cosa vo' tuccà.
Se mette 'e ponta e ttutto chello ca vede,
'o sbrunzulea, 'o nfonne e 'o ffa tremmà.

Chiove ncopp'ê ccase, ncopp'ê cchiese.
Chiove ncopp'ê ssagliute, ncopp'ê scese.
Goccia a ggoccia 'a pioggia tutto smove.
Lacremmea 'o cielo, nterra chiove...chiove.
Giovanna Balsamo
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 228 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Chiove...'o cielo è cchin'e nuvole sperciose,
tanta gocce 'e pioggia cadeno piccianno.
Scenneno ncopp'ê nnoce, ê ccastagne:
ll'uva jonna e nnera vanno tuculianno.

Ntanto ca Uttombre allonga 'o passo
e 'o cauro chianu chiano nce lassa...
nu lampo putente ll'aria abbaglia:
è nu fulmine ca 'o cielo squarcia e ttaglia.

Nu tuono ncazzuso allucca 'a luntano,
na pioggia fitta fitta 'a terra nfonne.
Tremmano ll'animale 'int'ê casulare:
'o lampo chiamma, 'a tronnola risponne.

Songo chiacchiere e appicciche 'e cielo:
pe ttramento ca se nne va 'a staggione;
'o tiempo s'allampea, trunnulea, allucca
e ncoppa 'a terra scenne ll'acquazzone.

'A pioggia cadenno tuculea 'a terra, 'o mare,
ll'aria se fa fresca, ogni ccosa se nfonne.
Sott'ô cielo cupo, niro, futo e scuro scuro,
tremmano 'e rame, chiagneno 'e ffronne.

Dopp'a pioggia 'a terra nfosa lassa n'addore
ca addrecrea, delizia e ncanta ogni ccore.
Nu tappeto 'e foglie d' 'o sole appicciate,
s'ammescano ô culore verde d' 'o prato.

Ll'aria è ffresca, frizzante, mprufummata
A lluongo, a lluongo tutte 'e viale alberate,
pareno tanta paisagge magiche e affatate.
Vestuto cu 'e culure cchiù belle d''o munno
doce doce, chianu chiano...trase ll'autunno.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 228 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.