Le comiche
*
Ier’sera so’ annato a l’osteria

pe’ beve un goccio, e  pe’ smorza’ la sete.

Lì er vino nun lo danno a porta’ via

così so’ entrato e me so’ messo a sede’.

*

Siccome er cammeriere nun veniva,

pure si me sentivo così stanco,

ho capito che lì me conveniva

d’arzamme in piede e d’anna’ a beve ar banco

*

e dissi a l’oste: -Si nun bevo casco,

tengo tutta la lingua appiccicata.

A sor Ora’, passateme quer fiasco

che me lo scolo tutto ‘na tirata.-

*

E me lo so’ bevuto per davero

co’ ‘na tirata. Doppo chiesi a Orazio:

-Dammene un artro litro ar vetro, e spero

doppo de quello de sentimme sazzio.-

*

Ma sazzio nun ce fui manco pe’ gnente.

E chiesi: -Un artro mezzo litro!-  Allora

la sete era passata veramente.

Ma er sor Orazzio me rispose: -Ancora?

*

-Ma scusa Ora’,  a te che te ne frega

si vojo beve, che nun te lo pago?

Poi che ce fai te drento ‘sta bottega,

ce venni er vino o ce tiri lo spago?-

*

-Io te ne posso da’ quanto ne vòi

che ciai raggione, io sto qua pe’ venne’.

Tiè, bevi. Si te senti male poi

vedrai ch’abbasserai tutte le penne.-

*

Ma siccome nun ce pagavo er dazzio                               

e quer vinello era bòno assai,

je dissi: -Un artro quarto a sor Orazio,

bòno così nun l’ho bevuto mai!

*

Finito er quarto: -Famme un po’ er piacere,

-tanto pe’ fa’ completa la misura-

de famme beve un urtimo bicchiere

armeno spegno ‘st’artra po’ d’arsura.-

*

Ma, er bicchiere l’avevo ancora in mano

quanno la vista me se fece nera.

Piegai le cianche e allora piano piano

co’ un botto so’ cascato giù per tera.

*

A riarzamme su, so’ stati in troppi.

Così me dissi: è mejo beve a fiaschi!

Lo vedi ? Meno bevi e più te intoppi;

come te fai un bicchiere imbriaco caschi !

***

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Un sentimento che avvelena er còre

co’  ‘n  veleno che è dorce come er miele.

Ma spesso è amaro, amaro come er fiele

è ‘n sentimento che se chiama “amore”.

*

Quello che te stravorge l’esistenza

e che te manna fòra co’ l’accuso

acchiappa tutti e, nessuno è escluso

che de l’amore nun se po’ fa’ senza.

*

A vorte t’ariduce a mar partito

te pija a l’improviso, a tradimento

e te fa’ perde er sonno e er sentimento

poi te lassa mezzo rincojonito.

*

E nun c’è cura pe’ guari’ ‘sto male

anzi, ce n’è una sola de sicuro:

de vede’ rosa ar posto de lo scuro

allora tutto sembrerà normale.

*

Te fa vola’ sopra ‘na nuvoletta

te fa’ senti’ leggero, come er vento;

pe’ er còre tuo è l’unico alimento     

e de ariscenne giù poco t’alletta.

***

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

(omaggio a Esopo)

*

Una formica che s’arampicava

su ‘n arbero pe’ mugne li pitocchi

sentenno ‘na cecala che cantava

gegè gegè gegè, strbuzzò l’occhi

e je disse: -Pensieri ce n’hai tanti…

vorei sape’ si pe’ che cacchio canti.

*

Ma nun te l’ha insegnato er padreterno

che ‘sta vitaccia è fatta de lavoro

e che devi pensa’ pure a ‘st’inverno;

che hai d’ammucchia’ riserve pe’ er ristoro

de quanno nun se trova più la sbobba?-

-Lavora tu, che te verà la gobba.

*

Mentre che tu lavori io intanto

me ne stò qua sull’arbero agguattata,

ringrazio dio che nun m’ha dato er pianto

e me diverto a fa’ ‘sta serenata

e che ogni tanto posso spicca’ er volo

pe’ anna’ su un artro ramo a fa’ un assolo.

*

Fatica tu che già ce sei tajata.

Mentre che tu t’ammazzi de fatica

preferisco sta’ ar sole qua sbracata

mentre che tu, mia povera formica

p’arimeddiatte er pranzo co’ la cena

t’ammazzi de fatica. Me fai pena!-

*

Ma la formica nun sapeva mica

che la cecala cià la vita corta.

Fece finta de gnente la formica

continuanno a riempi’ la sporta.

E infonno la morale, che ce dice?

Mejo campa’ de meno ma… felice!

***                                            

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Co’ lo zufolo in bocca ‘n pastorello
guardava er cèlo. Mentre zufolava
co’ l’occhi assorti ner segui’ ‘n ucello                          
arcune vacche ar prato pascolava.

*                       

Ma er Padreterno -je scappò pensato-
che ha fatto tutto giusto, però in fonno
su quarche cosa penso, avrà sbajato
quanno ha creato tutto quanto er monno

*

Pensò a l’ucello fermo su ‘n aratro
e a quanto spazio cià a disposizione:
j’abbasterebbe mezzo metro quadro
pe’ facce pranzo, cena e colazione!

*

E invece lui co’ l’ali pò vola’
così dovunque appizzaa lui ce magna
padrone  de lo spazio lui può anna’
dar colle ar piano o giù pe’ la campagna.

*

La vacca, co’ la ciccia che ha addosso
e de l’ucello magna assai deppiù 
bruca quella poch’erba attorno a ‘n fosso
o tutto ar più, pò anna’ poco più giù.

*

Te pare giusto questo? Io direi:
‘sta vacca che se sta a magna’ ‘sto prato
sarebbe giusto che volasse lei…
Er Padreterno è stato propio ingrato!

*

Pensava a questo già da un paro d’ore
ma senza de l’uccello ave’ sospetto,
che invece volò basso sur pastore
e j’ ammollò indé ‘n occhio un regaletto.
*
Subbito je venì ’n idea bislacca:
E se a vola’ ner cielo der Creato
ce fosse stata ar posto suo la vacca? 
sarebbe robba de mori’ affogato.

*

Pure 'sta vorta è stato dimostrato
che se deve anna’ piano cor pensiero

Lo pensi bianco ma vie’ fòri nero

quanno te metti a critica’ er creato.

***

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

-Nonnetta bella,
ricconteme ‘na bella favoletta.-
-Quella der gnomo e de la fravoletta?-
-No, quella la so!
Ma intanto che me magno ‘sta ciammella
te potressi però
contanne un artra nòva.-

-Un artra, propio nòva, e che ce vo’?
Aspetta un po’ un momento
che nonna fa la prova,
adesso me la invento!

C’era ‘na vorta un chicco d’uva nera,
contento de sta’ ar monno.
Però ciaveva tanta nostargia
de anna’ a trova’ su’ nonno.
E così lui na sera,
armato de l’ardore giovanile,
prese giacca e fucile
e se ne annò fischianno pe’ li campi.

Ma, nemmanco arivato ar crocevia,
-Dio ce scampi-
incontrò un vecchi amico
che stava appeso a un arbero de fico.
Er quale, ner vedello passa’ sotto,
je disse: -Fermo lì, dimme indo’ vai!-

Allora er chicco d’uva, capirai,
arzò l’occhi de botto.
E lì, ner chiaroscuro de la notte
nun riconobbe l’amico suo de scòla
e je rispose: -Vado indo’ me pare!-
Ma er fico j’arispose: -E’ ‘na parola!
Qua è tutta robba mia caro compare.
E su ‘sta propietà
nisuno ha da passa’
sinnò mo scenno e te do un po’ de botte.

Ma ne la notte carma
er chicco puntò l’arma
e, punfete, ‘na botta che sconquassa.
E così: er fico... secco e l’uva... passa!
E io te ciò infarcita la ciammella
che hai preso adesso drento la scodella.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Me dispiace fanciulli mia diletti

questo è un Natale da dimentica’

vorei avecce li sòrdi pe' crompa’

come l’anni passati i regaletti.

*

perché quest’anno è annata così male

che pe’ magna’ me so’ dovuto venne’

la slitta vòta assieme co’ le renne

e ‘n c’è gnente da fa’ pe ‘sto Natale

*

perciò ve dico: da quest’anno in poi

-siccome ch’er  governo scellerato

come tant’artra   gente m’ha sporpato-

li regali me li mannate voi

*
bambini ricchi. Io vorei portalli
a quei bambini che nun cianno gnente

ma fate presto che la cosa è urgente
nun ciò regali e gnente pe sfamalli.

*
Io me vergogno a chiedeli a li preti.

Dato che ‘sto Natale è annato fiacco

se me date ‘na mano a riempi’ er sacco

pe’ portalli a chi soffre ce andro’ a piedi.

***

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Er Natale quest’anno s’avvicina

però sarà ‘na strana aria de festa

Pe’ troppi è de sicuro ‘n aria mesta

cor còre sceso sotto la cantina.

*

Nun ce so’ mezzi pe’ festeggiamenti

er portafojo piagne er conto è in rosso

cianno sporpati tutti fino all’osso

mo che se metteremo sotto i denti?

*

Sto a penza' che a mijara de persone

che sbarcheno er lunario propio male

come lo passeranno ‘sto Natale

se nun ce scappa manco ‘n panettone?

*

Andranno ‘n quarche ente assistenziale

che li accoje co’ ‘ piatto de minestra?

Che vita, è ‘n affacciata de finestra…

Ma pe’ loro sarà pe’ sempre uguale.

*

Andranno a dormi’ su le panchine

Sognanno forse bei  momenti d’oro.

Mo che hanno perso dignità e decoro

Infreddoliti aspetteno la fine

*

maledicenno a chi tanto e chi gnente

perché ‘sta granne società balorda

se sa, continuerà a tira’ la corda

e de chi soffre nun je frega gnente.

***

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

L'inverno bussa a le porte
*
Oggi ‘n vento che taglia la faccia.

co’  ‘sto cèlo che pare de piombo

de li tòni se sente er rimbombo

e già sento cascamme le braccia.

*

Se ariscrocchia co’ ‘n artro alluvione

-e me pare che già s’ariaffaccia_

ciariffoga de melma e mollaccia

rimettennoce giù a pecorone.

*

L’autunno ha già preso la scesa

e l’inverno già bussa a le porte

la stagione va verso la morte

che a l’inverno s’è già quasi arresa.

*

Preparamo majoni e cappotti

accennemo la stufa o er camino

nun penzanno che ariva er casino

e che l’acqua verà giù a botti.

*

Ma speramo perché, doppo tutto

se ‘st’inverno sarebbe più mite

se potrebbe guari’ da l’artrite

sempre che fosse pure più asciutto.

***

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Quanno me vie’ a manca’ l’ispirazione                             

io pe’ anna’ a caccia de esperienze rare

me ficco a letto e lì ciò l’occasione

de sogna’ tutto quello che me pare.

E nun è come quanno che so’ svejo:

mentre dormo li sogni me li scejo.

*

‘Sta notte ho inteso er sòno de ‘na tromba;

‘na musica a di’ poco celestiale.

Come se er sogno mio fosse normale

mi’ moje me chiamava da oltretomba.

Sembrò de cera co’ quell’occhi stanchi

e me diceva:  -Amore mio, me manchi.

*

Perché nun molli tutto e te trattenghi?

Ormai la vita t’ha già dato tanto:

tristezza, amore, gioia, riso e pianto…

me manchi troppo, ma perché nun venghi?-

So’ già diei anni ma ‘sto sogno stesso

forse lo cerco, ma lo faccio spesso.

*

Beh, sarà ‘n sogno tra er faceto e er vero

‘sto sogno tanto, tanto ricorente.

Ce l’ho come stampato ne la mente

e me sta radicato ner penziero.   

La vita senza lei nun cià valore,

lei nun c’è più. Ma l’amor mio, nun mòre.

                              

(a mia moglie) 

                                

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ahi ahi ahi 
 sta bella Italia a tappetu,                                                 
restu a casa e me  ddumannu
ci sta succede e continuamente mi ripetu,
sta gente more senza  sapè di cosa,
te sicuru è na trappola
di questa società ombrosa,
un elogio te core all'esperta sanità,
ca sta combatte all'infinito
questa  contagiosa epidemica realtà,
intanto a casa la sira mo ce coprifuocu,
speriamu ca tuttu quisto  malcontentu
rimanesse quantu  prima 
sulu nu  videogiocu,
e se qualcun altro
culla calma si decide,
ca chianu  chiano cu stu virus
anche quista innocente aria
sta me ccite,
speru   puru ca finisce tutta sta manfrina,
e turnare a visu apertu
senza sta soffocante mascherina,
sono del mio salentu e me ne vantu,
ulia  cu trovu  tuttu quell' affettu 
sparpaiatu  sacrosantu,
il popolo è indifeso e  rispettoso,
ma il Duce cu la sua manovra  gira largu
tiene strettu dru mistero cucciato
sulu a lui prezioso.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: valeria viva*   Sostenitrice del Club Poetico dal 16-06-2015

Questo autore ha pubblicato 46 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Senz'e portai sa leppedda?
bellu pastori! carandi!
e is piusu longus de tundi?
parrisi 'na femminedda

Castiamì beni o su zieddu
in is dentis est sa lama
zerriadda segara'e fueddu
pò dognia brulla, stoccara.



Sei senza un coltello?
Bel pastore che sei!
Scendi dal piedistallo
e quei capelli lunghi da tagliare?
Sembri una femminuccia

Guardami bene oh vecchietto
che la lama ce l'ho tra i denti
chiamala parola tagliente
per ogni tuo scherzo, una pugnalata


(si dice "brulla de arburesu" per uno scherzo pesante. Pare che gli abitanti di Arbus, patria di un coltello molto famoso, "l'arburese" appunto, fossero inclini a fare scherzi, anche pesanti. Il detto sardo completo recita: <Una brulla ti fazzu u'ogu ti'ndi 'ogu> (per scherzo ti cavo un occhio). Non me ne vogliano gli abitanti di Arbus... bravissime persone! ;)


1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Manuele*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 31-12-2020

Questo autore ha pubblicato 45 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Sopravvivevo senza e te vedè
nun saccio quanta vote domandavo e te,
e quanno 'e risposte nun arrivavano cchiù
pregavo e te vedè, annanzo a stu Gesù.

Ogni matina, quanno glievo a' scola,
vulevo a te vicino, almeno pe' na' parola,
mentre s'astrigneve o' core sulo a guardà
tutt' l'ati criature nzieme cu l'ati papà.

Me so fatto gruosso, so' crisciuto senz'e te...
chiuso dinto a 'na libertà ca nun tenivo tu.
Mo ca saccio a verità, io riesco a te capì
voglio accummincià sta vita senza cchiù suffrì.

Mane e mane io, tu e mammà...
ce pigliamme a gioia ca ci'spettav già,
facenno 'e sacrifici senza mai ce lassà
pe' chesta strada nova... ca mo' amma affruntà.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 292 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

S’eri fiss

in di me penser

 

saltavi i foss

par long

e m’incorgevi no

da quant s’eri fess

 

ma ti fa ss-ilenzi

ingianò ma salta

la mosca al nass

 

e i nerv insèma.

 

Fuss ca fuss

la voeulta bona

ch’impari

a saltà i foss

par larg

 

inscì

ma bagni pù i pè.



 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: ING BOWLING  

Questo autore ha pubblicato 400 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
È dinto 'o mare,
addò 'nu pensier va a murì.
Addò 'e gabbiani, 'e gljuorno,
s'appiccechene co' viento.

'E nn'ammurate ncoppa 'a 'nu muretto,
che scenno a picca ncop all'onna,
se vasene e s'accarezzano
sotto 'a luna lucente.

È dinto 'e viche 'e chesta città
ca s'appiccene 'e pensier
nzieme 'o cafè 'a primma matina.
So' radice, ca nun se ponno scurdà...

È na terra ca te piglia o core,
l'anema, o suonn e pure a fantasia.
Napule te trase proprio dinto 'e vene!
E 'e surrise de' napulitani
t'e puort appriesso pe tutt'a vita.

"La terra dei fuochi" se chiamma accussì
pecchè quanno t'abbraccia,
te dà tutt'o calore ca...
sulo 'na mamma te pò dda!
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 292 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Napule nascette pe n'ommo ca mpazzette.
Ve parlo 'e nu pittore ca pe spasso e ffollia,
nu bellu ghiuorno decidette 'e fa' na pazzaria.
Don Totore che facite?" Curiuso addimannaje.
Don Genna', tengo che ffa' nu fatto gruoss'assaje!”
“aggi' 'a fa' na cosa: 'a ggente s'ha dda stupì”
'o munno ha ddà parlà: i' voglio sbalurdì.”
"Overo? Ma che ddicite, ma nun facite guaje!”
'A verità i' stesso llà ppe llà 'o scunsigliaje."
Ma isso capa tosta, ahimè se 'ntestardette;
'o quatro accumminciaie e cunsiglie nun vulette.
Cu na tinta blu; fra ciento e cchiù ttubette,
comme niente fosse 'o mare dipingette.
"Me serve ancora celeste, nun tengo cchiù cculore.
Mme putite aiutà? V' 'o ccerco pe favore!"
"Don Totore bello. I' v' 'a desse pure na mano.”
“Ma addò 'o vvaco a piglià. Diciteme, è luntano?”
Ll'artista frasturnato e nnu poco sfastediato,
dicette:" va buo', mo vengo..." e sparette nquartato.
C'aveva cumbinato, chillu miezo squilibrato!
S'era arrubbato 'o cceleste 'e ll'uocchie
d' 'e ffigliole ca stevene addormentate.
'A tela a ll'intrasatto azzurra se facette...
...e ffuje accussì ca a Nnapule 'o cielo accumparette.
E po' mmentaje 'o golfo illuminato d' 'a luna chiena;
pe 'o fa bbello tunno s'ispiraje 'o ventre d' 'a Maddalena.
"Ma ll'avite fernuto...", dicette curiuso assaje
Isso senza da' risposta, mmanco me guardaje.
Scurgenno na cummara affacciata a nu balcone,
Totore apprufuttaje e nun perdette ll'occasione.
Nu cunto se facette, murmulianno fra se e sse.
"I' mo ce provo: veco si 'o pozzo avè."
"Donna Rituccia cara, dinto a 'stu panaro...”
mettite 'o seno vuosto. Ve prego, è ppe n'affare.”
Nun ve ll'avesse chiesto, ma vuje mme provocate”
“E mo ve ll'aggia dicere...perdunateme...abbondate."
"Carissimo Totore, vuje mme lusingate...
“nu minuto e v' 'o dongo." "Donna Ritu' acalate!"
Chella pasta morbida c' 'o marrone ammischiaje.
"Don Genna', chisto è 'o Vesuvio." I' mme meravigliaje.
...e nun saccio si svenette, restanno senza fiato;
però nu fatto è ccerto, rummanette stupetiato.
E po' quanta scugnizze scennettene p' 'a via:
perfino Maria Betta fernette 'e fa' 'a cazetta.
Tonino 'o sfaticato, sbuffanno se sscetaje:
“Acchiappa chistu sbuffo"...e Ttotore ll'acchiappaje.
Ncapo 'o Vesuvio, 'o pennacchio isso mettette.
"Guagliù, evviva Napule!", allero assaje dicette.
Accussì nascette Napule: 'o quatro fuje completato.
È ll'opera 'e nu grand'artista: 'o pataterno ll'ha criato.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 148 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.